11.2 C
Milano
29. 02. 2024 23:52

Torna Milano Premier Padel P1: breve viaggio nello sport più amato dai milanesi di oggi

E' l’occasione per fare il punto su quello che per alcuni si conferma un vero fenomeno, mentre per altri è poco più che una moda. Intanto i campi si moltiplicano

Più letti

Dopo il successo del 2022, Milano Premier Padel P1 torna all’Allianz Cloud di piazza Stuparich dal 4 al 10 dicembre prossimi, segnando l’appuntamento di chiusura del circuito della Federazione Internazionale Padel (FIP). Quest’anno il torneo si arricchisce con un’importante novità: il tabellone femminile, che vedrà competere le migliori giocatrici del mondo, aggiungendosi ai grandi nomi del padel maschile.

Al via anche le vincitrici dei tornei Premier femminili già disputati quest’anno: da Paula Josemaria e Ari Sanchez, regine di Parigi e coppia numero uno del ranking, a Marta Ortega e Gemma Triay (numero 2) che hanno trionfato a Roma; fino a Delfina Brea (7) e Bea Gonzalez (5), che si sono invece imposte a Madrid. Anche nel tabellone maschile al via il top della disciplina: da Arturo Coello (numero 1 del ranking) e Agustin Tapia (6), vincitori delle ultime quattro tappe di Premier Padel (Roma, Madrid, Mendoza e Parigi) a Juan Lebron e Ale Galan, i campioni in carica e numero 2 della classifica mondiale. E ancora, Franco Stupaczuk (7) e Martin Di Nenno (4), Fede Chingotto (8) e l’idolo ‘Paquito’ Navarro (5), fino alla trentaquattrenne “Leyenda” Fernando Belasteguin (9), che in coppia con Mike Yanguas abbraccia oltre due generazioni di padelisti.

Per accedere i biglietti si possono acquistare sul portale Ticketone (da 8 a 45 euro) e, per la prima volta, grazie alla tecnologia YourSeats360 sarà possibile acquistare i biglietti scegliendo il posto in modalità “immersiva” e cioè avendo la visualizzazione esatta del campo dal proprio seggiolino. Orari di gioco, partecipanti e altre info sul sito milanopremierpadel.com.

Le tre parole di oggi? Scoprile in newsletter!

Milano Premier Padel P1: perché è un fenomeno

L’ascesa del padel a Milano e la popolarità sono da attribuire alla sua natura sociale e alla facilità di apprendimento, cosa che lo rende accessibile a un ampio pubblico. A differenza del tennis, richiede meno spazio e attrezzature più semplici, facilitando l’installazione di campi in aree urbane come Milano. Altro fattore chiave del successo, il sostegno ottenuto dalle Istituzioni locali, che vedono nello sport un modo per promuovere la salute e l’attività fisica tra i cittadini.

Inoltre con l’aumento degli investimenti e l’interesse crescente da parte del pubblico, il padel è destinato a diventare un punto fermo nella cultura sportiva italiana; e lo confermano i numeri: 356 strutture tra Milano e provincia (138 quelle solo in città) e altre 15 in fase di progettazione, una squadra promossa in Serie A, la vetrina internazionale del Premier Padel, campi dove giocare sempre pieni, dalle 9.00 del mattino a mezzanotte, e ben 75mila agonisti. Numeri destinati, inevitabilmente, a crescere. LT

Milano Premier Padel P1: non è mica il tennis

È arrivata l’ora del riscatto per gli integralisti del tennis, che dopo aver assistito all’esplosione del padel (inglobato peraltro nella stessa federazione) sentono che sta per tornare il loro momento. Sull’onda dell’entusiasmo per i trionfi di Jannik Sinner e compagni, gli appassionati della racchetta grande (anche quelli che magari hanno ceduto a qualche partita con gli amici tra le pareti trasparenti) stanno rispolverando i loro completi.

Nei prossimi mesi, è molto probabile che si registrerà una nuova impennata di prenotazioni sui campi da tennis di Milano e hintlerland in attesa che le ATP Finals si trasferiscano magari da Torino all’ombra della Madonnina. Il mondo del padel dovrà fare attenzione però anche a una nuova specialità che potrebbe portare via un’altra fetta di mercato: parliamo del pickleball, che negli Stati Uniti va già per la maggiore e che è sbarcato coi primi campi pure da noi. Senza dimenticare che i costi tra affitti e corsi per il padel non sono certo bassi. AG

Milano Premier Padel P1, parla Luis Ovando, manager sportivo e coach: «I centri sportivi non devono farsi la guerra»

Dall’Argentina a Milano, Luis Ovando è uno dei coach di padel e manager sportivi più apprezzati della città: tanti vip, ma anche tante persone comuni, gli chiedono consigli per migliorare. E tanti centri sportivi milanesi lo hanno scelto come coordinatore delle attività.

Luis Ovando
Luis Ovando

Come valuta il fenomeno del padel a Milano?
«E’ un’arma a doppio taglio, va utilizzata bene. Vedo tanti circoli che stanno “approfittando” del momento senza essere attrezzati come struttura, maestri e conoscenza dello sport. Il pensiero è “tanto la gente viene lo stesso”; così non si va avanti. È uno sport meraviglioso, divertente e per le famiglie, ma non va distrutto. Prima ci attrezziamo e più durerà».

Chi gioca a padel? Giovani, anziani, manager, vip…
«Il padel è uno sport adatto a tutti; nei diversi centri che gestisco abbiamo creato corsi per bambini a partire da cinque anni e in quelli per adulti abbiamo corsisti di 60».

Dove può migliorare Milano per il padel?
«Milano è una città collegata bene, dove c’è fame, se fai un circolo a Segrate o in centro a Milano cambia poco, potrebbe funzionare sempre. Più che la città, sono i dirigenti sportivi che dovrebbero sfruttare una città così attrezzata, creando tornei adatti con dei buoni premi e mettendo in campo maestri validi. Ma serve che i centri sportivi si riuniscano per decidere una linea comune. C’è lavoro per tutti, inutile farsi la guerra».

Milano Premier Padel P1, il commento dell’assessora Martina Riva: «Che annata, Milano»

Il Premier Padel P1 arriva a Milano alla fine di un anno, il 2023, incredibile per lo sport e per la nostra città. Perché arriva dopo i Mondiali assoluti di scherma, dopo gli Europei di salto a ostacoli, dopo la tappa di coppa del mondo di ginnastica artistica, dopo la Formula 1 a Monza e chiude il cerchio su un anno incredibile per il turismo, con dati che continuano a migliorare sensibilmente.

Per il decimo mese consecutivo, infatti, con circa 780mila presenze in città sono stati superati, anche a ottobre, i livelli del 2019. E da gennaio, a Milano città, sono stati 7,1 milioni gli arrivi: sempre il 2019, che fino ad ora risulta il migliore anno della storia per la nostra città, si era chiuso con circa 7,5 milioni di presenze. Il padel, dicevamo. L’anno scorso all’Allianz Cloud sono entrate 27mila persone: conto che quest’anno i numeri possano essere entusiasmanti allo stesso modo, in parte perché ci sarà anche il torneo femminile in parte perché, se l’anno scorso Premier Padel è stata la sorpresa, quest’anno in città c’è già attesa, da molto.

Martina Riva
Martina Riva

L’Allianz Cloud, palazzetto di proprietà del Comune e gestito da Milanosport, sembra fatto apposta per un evento sportivo come questo dominato, oltre che dallo sport, anche dall’intrattenimento, dalla musica, dalle luci, da un vero e proprio clima di festa. Premier Padel è un evento che va bene per tutti: per i giovani, per le famiglie e anche per chi è un po’ più avanti con l’età, quelle persone che proprio grazie al padel e alle sue caratteristiche hanno ricominciato a fare sport, magari dopo tanti anni.

Stiamo aspettando i nuovi dati ufficiali, ma l’anno scorso la crescita dei praticanti è stata enorme: 358 campi nella provincia di Milano, 858 in Lombardia e il maggior incremento in Italia per numero di impianti. e mentre vi racconto questi numeri, è probabile che stiano sorgendo altri campi. Di Premier Padel mi sono innamorata a Roma a maggio 2022; c’è stata da subito grande sintonia con gli organizzatori e credo che anche per questo l’evento sia perfetto con i tempi e i bisogni di una città come Milano.

Milano Premier Padel P1: dove si può giocare a padel

Milano Nord

Afforese G. S. D.

Via Assietta, 48

Padel4fun Bovisa

Via Candiani, 26

Quanta Club

Via Assietta, 19

Milano Ovest

City Padel Milano

Via Anna Maria Ortese

Getfit Pinerolo

Via Pinerolo, 76

Piccolo Stadio San Siro

Via Carlo Osma, 9

Milano Sud

Iris 1914 Padel

Via Faraday, 15

Palauno

Largo Balestra, 5

City Barona

Via Ovada, 22

Milano Est

Tennis Club Ambrosiano

Via Feltre, 33

Vamos Padel Cimiano

Via Don Giovanni Calabria, 16

Centro Sportivo Giuriati

Via Carlo Pascal, 6

Milano Premier Padel P1, come si gioca e quanto costa giocare in città

Il padel, sport nato in Argentina, ha regole simili al tennis ma con un’area di gioco più piccola e racchette a piatto rigido. Si gioca a coppie e offre un’esperienza di gioco dinamica e divertente, ideale per chi cerca uno sport facile da imparare. A differenza del tennis, include pareti che delimitano il campo, le quali fanno parte dell’area di gioco. La palla può rimbalzare su queste pareti, rendendo il gioco più imprevedibile. Milano offre diverse opzioni per i tanti appassionati, nonostante il padel presenti un costo non trascurabile. Il prezzo per un’ora di gioco varia tra i 30 e i 50 euro, che si traduce in un costo per persona di circa 6-8 euro. Nonostante questo, è alto il numero dei praticanti in città, che hanno reso questa disciplina un punto fermo nella scena sportiva milanese.

Milano Premier Padel P1, i numeri

27.000

gli spettatori dell’edizione 2022 di Milano Premier Padel P1

19.000

gli spettatori della passata edizione che provenivano da altre regioni d’Italia e dall’estero

180

le nazioni dove sarà trasmesso il Premier Padel P1 2023

48

le coppie di atleti in campo a Milano Premier Padel P1

In breve

FantaMunicipio #21: tutto il fieno che va in cascina in città

Settimana ricca di incontri, di novità e di fieno in cascina in città. Sono in via di definizione gli...
A2A
A2A