6.5 C
Milano
28. 11. 2022 19:24

Milano si merita Beppe Sala?

E voi, pensate sia la persona giusta al posto giusto?

Più letti

Milano si merita Beppe Sala? Una domanda che torna di attualità, in un momento storico dove molti, in Italia, si stanno invece chiedendo se questo paese (ma soprattutto i suoi politicanti) si meritino persone come Mario Draghi e Sergio Mattarella, alla luce dell’ennesima caduta dell’ennesimo governo che non fa altro che aumentare la frustrazione delle persone e diminuire, di conseguenza, la fiducia in chi ci governa.

Milano si merita Beppe Sala?

Di riflesso quanto accade a livello nazionale ci permette di portare avanti anche un ragionamento a livello locale. In attesa di capire quali saranno le evoluzioni a livello regionale, con il 2023 che si preannuncia anno elettorale caldo, il Partito Democratico si gode il suo Sindaco Beppe Sala. Che, è giusto sottolineare, è stato eletto due volte consecutivamente, anche se la seconda con un’affluenza estremamente bassa alle urne, e quindi si trova meritatamente nel posto in cui è. O, perlomeno, questo è il pensiero di tutti coloro che condividono principi di democrazia. Ma la domanda non può non essere posta: Milano si merita Beppe Sala? O, forse, qualcun altro avrebbe saputo fare meglio?

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Mi-Tomorrow (@mi_tomorrow)

Una giunta che fa discutere

La rielezione di Sala ha portato anche ad un grande rimescolamento a livello di giunta comunale. Facce nuove, giovani, fresche, alcune con grande esperienza, altre senza, altre ancora che fanno discutere. Sta di fatto, però, che Milano è città viva, che prosegue nel suo sviluppo europeo, che continua ad ingrandirsi e attrarre macro eventi: se non volete pensare per forza alle Olimpiadi di Milano-Cortina 2026, pensate banalmente alla miriade di concerti estivi: tutti gli artisti, al loro decidere di passare per l’Italia in tournée, non posso fare a meno di fare un salto a Milano. E poi eventi privati, pubblici, misti, sportivi, culturali e così via: che la città sia viva è un dato di fatto. Come è un dato di fatto che molti assessori e assessore siano alla loro prima esperienza come tali o alle primissime armi, seppur con qualche base di pregresse attività: insomma, un misto di alte aspettative e qualche paura. 

Criminalità e prezzi alti

A tenere banco, in questi ultimi periodi, due temi però scottanti: da una parte la criminalità, dall’altra i costi estremamente alti per vivere a Milano. Parlando di criminalità, è servita una storia Instagram di Chiara Ferragni per far tornare di moda quello che, a conti fatti, invece non è mai passato: baby gang, bullismo, bande organizzate: anche qui, vien da dire, Milano è città viva. E poi i prezzi: acquistare una casa nuova a Milano è diventato impossibile, con cifre talmente fuori mercato per la realtà di oggi che fanno diventare la metropoli un qualcosa di riservato solo ad una elite: possibile che qui non si possa porre rimedio? Ecco, personalmente rispondo così alla domanda ‘Milano si merita Beppe Sala’: sì, se lo merita perché è stato eletto, ma lui pensi meno all’Italia e più alla sua città, ponendo un freno soprattutto ai lati negativi della stessa. 

In breve

FantaMunicipio #11: proposte per la città, ripensiamole tutti insieme

Sempre più cittadini si ritrovano in strada per discutere delle problematiche di alcune aree e per cavarne fuori idee...