17.7 C
Milano
16. 06. 2024 01:41

Persone di razze diverse e il razzismo all’incontrario: la storia di Nogaye Ndiaye

Il bizzarro uso dei social di una giovane studentessa milanese

Più letti

Nogaye Ndiaye immagina un mondo surreale in cui i confini del colore della pelle si dissolvono in un’armoniosa unione tra persone di razze diverse. Un mondo in cui una donna di origini diverse si avvicina a un’altra donna, totalmente sconosciuta, sulla spiaggia e inizia a toccarla gentilmente, estasiata dalla sua pelle stupenda. Qui, i bambini bianchi vengono offerti dolcetti da turisti neri, colmi di entusiasmo perché «questi giovani splendidi non hanno molto, ma sorridono sempre, e in questo possiedono tutto». E, ironicamente, all’ingresso della piscina, le borse vengono controllate solo per gli utenti bianchi, poiché «con persone come voi è meglio non lasciare nulla al caso». Questo è l’universo parallelo immaginato da Nogaye Ndiaye, una brillante studentessa di Giurisprudenza venticinquenne presso l’Università degli Studi di Milano Bicocca. 

Persone di razze diverse e il razzismo all’incontrario: la storia di Nogaye Ndiaye

Nogaye è italiana, di Trezzano sul Naviglio, ma le sue radici senegalesi l’hanno dotata di una visione unica e illuminata. Sulla sua pagina Instagram, chiamata «Le regole del diritto perfetto», Nogaye rappresenta le micro e macro aggressioni che gli afrodiscendenti subiscono quotidianamente, ribaltando il punto di vista e spingendo così il pubblico a una riflessione profonda e allo stesso tempo a una risata liberatoria. «Ho aperto questa pagina tre anni fa, ma all’inizio condividevo contenuti più ‘seri’, se così posso definirli. Tuttavia, anche in queste clip che io e i miei amici giriamo, facciamo attenzione a non banalizzare temi di fondamentale importanza. L’idea di realizzare i video sull’universo parallelo mi è venuta alcune settimane fa, approfittando delle vacanze», racconta Nogaye.

Le regole del diritto perfetto, Nogaye Ndiaye, foto Instagram
Le regole del diritto perfetto, Nogaye Ndiaye, foto Instagram

Come è nata la pagina instagram «Le regole del diritto perfetto» di Nogaye Ndiaye

Ma come è nata la pagina instagram «Le regole del diritto perfetto» di Nogaye Ndiaye? Lo spiega lei stessa: «Esattamente il 5 agosto di due anni fa ho deciso di aprire questa pagina su instagram, dal quel giorno sono cambiate così tante cose, io compresa. – ricorda –  Questa pagina è nata come studygram in cui parlavo delle mie difficoltà con lo studio e posto sicuro dove condividere le mie riflessioni e i miei pensieri. Inizialmente non facevo nemmeno vedere la mia faccia, ho deciso all’inizio del 2021 di denunciare pubblicamente una serie di episodi razzisti che hanno coinvolto i media italiani. Da quel giorno ho conosciuto una serie di persone stupende che mi hanno insegnato che la mia voce conta e che posso usarla nel mio piccolo per cercare di cambiare le cose. Non mi considero un’attivista, quando sono obbligata a definirmi in qualche modo uso il termine divulgatrice online e offline. Ora sono alla fine del mio percorso universitario, ho iniziato cercando motivazione nello studio, ma ho trovato la motivazione per credere nel cambiamento, per smettere di pensare che la mia vita sarebbe stata sempre così e che avrei per sempre indossato una maschera. La maschera che ho portato per tanto tempo non c’è più, ci sono solo io nella miglior versione di me stessa, quella vera».

In breve

FantaMunicipio #34: inizia la stagione dei maxi eventi estivi

Ippodromo San Siro, ippodromo La Maura, San Siro e adesso anche Quinto Romano con il Latin Festival. Milano è...