24.9 C
Milano
29. 05. 2024 18:16

Alfredo Cospito, l’udienza oggi in ospedale. Protesta degli anarchici davanti al Tribunale di Milano

Gli avvocati della difesa hanno chiesto per l'anarchico la detenzione ai domiciliari, presso casa della sorella

Più letti

Si è tenuta oggi, venerdì 24 marzo 2023, l’udienza per discutere l’istanza di differimento di pena di Alfredo Cospito presentata dagli avvocati della difesa. La discussione è avvenuta presso l’ospedale San Paolo di Milano, dove l’anarchico in sciopero della fame contro il 41 bis si trova al momento ricoverato. E intanto circa una cinquantina di manifestanti hanno inscenato un presidio davanti al Tribunale del capoluogo lombardo, esponendo cartelloni contro il regime carcerario. Alla fine dell’udienza i giudici del tribunale della Sorveglianza di Milano si sono riservati e ora avranno 5 giorni per decidere.

Alfredo Cospito, l’udienza in ospedale oggi: cosa è successo

L’udienza di Alfredo Cospito ha preso il via nel reparto di medicina penitenziaria presso l’ospedale San Paolo. Si è discusso della possibilità di detenzione domiciliare a casa della sorella dell’anarchico, che si trova in sciopero della fame da oltre 5 mesi contro il duro regime carcerario del 41 bis. Presenti l’avvocato Flavio Rossi Albertini, i giudici della Sorveglianza Giovanna Di Rosa e Ornella Anedda, affiancati da due esperti, il procuratore generale Francesca Nanni e il sostituto pg Nicola Balice.

La discussione di oggi è avvenuta all’interno dell’ospedale poiché i medici in precedenza non hanno dato il via libera per il trasferimento nel carcere di Opera del paziente. Gli esperti dunque hanno detto di no all’ipotesi di tenere l’udienza in videocollegamento, in quanto preferiscono tener monitorato costantemente l’anarchico. Pochi giorni fa infatti egli ha avuto, tra le altre cose, un problema cardiaco.

Le tre parole di oggi? Scoprile in newsletter!

alfredo cospito anarchici
Alfredo Cospito

Ora i giudici devono valutare se lo stato di salute di Alfredo Cospito sia o meno compatibile con la detenzione in carcere al 41 bis. Una volta presa la decisione, avranno 5 giorni per depositare il provvedimento.

Nel frattempo, sempre oggi, una cinquantina di manifestanti ha tenuto un presidio davanti al Tribunale di Milano, in solidarietà ad Alfredo Cospito. Gli anarchici espongono alcuni striscioni sulla recinzione di Palazzo di Giustizia contro il 41bis.

In breve

FantaMunicipio #32: nuove pedonalizzazioni, ci vuole tattica per rallentare

Questa settimana torniamo a parlare di mobilità lenta, di sicurezza stradale e di pedonalizzazioni: sono infatti state approvate alcune...