7.8 C
Milano
05. 12. 2021 16:10

Milano vince l’Earthshot Prize: è la città modello per un mondo senza sprechi

La città si aggiudica il premio nella categoria “Build a Waste-Free World”. È tra i primi vincitori in assoluto del premio londinese

Più letti

La città di Milano è tra i vincitori della prima edizione in assoluto dell’Earthshot Prize, prestigioso premio internazionale dedicato alle migliori soluzioni per proteggere l’ambiente. Lo ha condiviso il sindaco Sala ieri sera sul suo profilo Instagram. Annunciata tra i 15 finalisti lo scorso settembre dal principe William, Milano si aggiudica il premio nella categoria “Un mondo senza sprechi” insieme al progetto Takachar e alla Repubblica della Costa Rica.

Earthshot Prize, Milano vince nella categoria “Build a Waste-Free World”

Milano si aggiudica dell’Earthshot Prize nella categoria dedicata alle iniziative e ai modelli virtuosi per un mondo senza sprechi, grazie all’iniziativa dei centri di raccolta cibo diffusi per la città.  Il progetto degli Hub di quartiere è stato selezionato tra 750 iniziative candidate da tutto il mondo.

Ideati con lo scopo di dimezzare lo spreco di cibo entro il 2030, gli hub recuperano cibo proveniente principalmente da supermercati e mense che viene in seguito consegnato alle ONG per distribuirlo ai cittadini bisognosi. Un modello di recupero e ridistribuzione delle eccedenze alimentari costruito attorno alle reti locali. Le prime azioni sono partite nel 2018/2019 a partire dal protocollo di intesa “Zero Sprechi” condiviso da Comune di Milano, Assolombarda e Politecnico di Milano. Le prime sperimentazioni sono partite dal Municipio 9 e oggi sono diffuse in altri quartieri della città.

Milano è la prima tra le più grandi città ad imporre una policy contro lo spreco di cibo che coinvolga tutta la città unendo il lavoro di agenzie pubbliche, banche del cibo, ONG, università e aziende private. Oggi gli Hub Food Waste sono tre in tutta la città – Isola, Lambrate e Gallarate – e ciascuno di questi è in grado di recuperare circa 130 tonnellate di cibo ogni anno o 350 kg al giorno, circa 260.000 pasti.

Il progetto coinvolge importanti insegne della grande distribuzione tra cui Lidl Italia, Esselunga, Carrefour, NaturaSi, Erbert, Coop Lombardia, Il Gigante, Bennet e Penny market. Con Fondazione Cariplo e SogeMi il Comune di Milano ha inoltre lanciato l’iniziativa Foody zero sprechi per replicare il modello degli hub anche all’Ortomercato e recuperare il cibo fresco insieme a Banco alimenare della Lombardia, Recup, Croce rossa sud milanese, Università degli studi di Milano e molti altri partner in supporto.

Per la giuria del Earthshot Prize se più città al mondo seguissero il modello di Milano, le città diventerebbero una delle più importanti risorse nel progresso dell’umanità verso un mondo senza sprechi.

 

View this post on Instagram

 

A post shared by Beppe Sala (@beppesala)

In breve

Milano, disagi in vista: sciopero nazionale dei mezzi contro il Green Pass

Ferrovieri e autisti dei mezzi pubblici incrociano nuovamente le braccia. Per il prossimo venerdì 3 dicembre è stato indetto...