27.9 C
Milano
25. 06. 2022 15:34

Al Mudec arriva la mostra dedicata al mondo di Walt Disney

Al Mudec di Milano arriva la mostra dedicata al mondo Walt Disney. Per la prima volta sarà possibile ammirare delle opere mai esposte prima

Più letti

Al Mudec di Milano, dal 2 settembre 2021 fino al 13 febbraio 2022, sarà possibile ammirare la mostra Disney – L’arte di raccontare storie senza tempo.

L’iniziativa è promossa dal Comune di Milano, prodotta da 24 Ore Cultura, ed è curata da Walt Disney Animation Research Library con la collaborazione dello storico dell’animazione Federico Fiacconi.

Disney – L’arte di raccontare storie senza tempo

La mostra Disney – L’arte di raccontare storie senza tempo allestita al Mudec offre al pubblico la splendida opportunità di osservare da vicino delle opere mai esposte prima.

Gli 80 anni di storia raccolti all’interno delle sale del Mudec, descrivono e raccontano, il dietro le quinte e i retroscena del fantastico mondo dell’affascinante realtà Walt Disney.

L’esposizione vuole donare al visitatore l’esperienza di un viaggio nel mondo della Walt Disney e del processo creativo che si cela dietro ad ogni immagine o lungometraggio.

Il lavoro che si nasconde all’interno di queste raffinate opere d’arte è davvero minuzioso e spesso ignorato da chi si lascia ammaliare e ipnotizzare dai capolavori Disney.

L’arte dell’animazione della Disney viene così narrata al Mudec attraverso una mostra in grado di stupire ed incantare ogni persona, indipendente dall’età.

I personaggi creati da Walt Disney e dalla sua equipe, che siano umani o animali, rappresentano e manifestano archetipi senza tempo ed eterni. Topolino, Paperino, i Tre Porcellini e tutti gli altri soggetti rappresentati vengono sapientemente umanizzati e forgiati di caratteristiche caratteriali ben definite.

I personaggi Disney, attraverso le loro gesta e vicende, riflettono ed esprimono perfettamente i sentimenti comuni in cui tutti possono immedesimarsi. Gli artisti della Disney sono stati in grado – attraverso i loro capolavori – di trascrivere i miti, le favole, le fiabe, le leggende medievali e il folklore. Attingendo dal passato e dalla tradizione, essi hanno portato al cinema e dato vita alle storie e ai film più celebri di sempre.

mostra Disney
Mudec

Le favole antiche assumono così una nuova connotazione e il linguaggio di questi cartoni animati diviene più immediato e realistico nonostante mantengano il lato fantastico, diverte e surreale. I temi trattati nelle opere visibili durante la mostra sono universali, condivisi ed esperiti da tutti.

Negli anni Walt Disney ha utilizzato diverse tecniche per produrre le sue opere. Il lungo lavoro che vive dietro ad ogni processo artistico è immenso e ben preciso.

Inoltre, è necessaria un’intera squadra coordinata da un regista per produrre un film d’animazione Disney.

Durante la mostra Disney il pubblico potrà non solo osservare le opere, ma anche diventare lui stesso narratore. Il visitatore potrà comporre un piccolo libretto con il proprio racconto da portare a casa.

Nel museo sono allestite delle postazioni interattive e un allestimento fedele agli scenari dei capolavori. All’interno delle sale troverete gli strumenti con cui diventare voi stessi gli artefici di un’opera d’arte.

Tra i disegni esposti è possibile ammirare quelli di Pinocchio, del Mago Merlino e della Bella addormentata nel bosco. Le tecniche artistiche utilizzate per realizzare le opere esposte sono le più svariate.

Tra queste troviamo il disegno a grafite, le tempere, gli acrilici, gli acquarelli, i carboncini. Ma anche mezzi tecnologici come la computer grafica, indispensabile nella realizzazione delle scene di un film.

All’interno del percorso espositivo potrete scoprire numerose curiosità legate alla produzione Disney: tra le opere appese appare anche la strega cattiva di Biancaneve e i sette nani.

In uno dei disegni a colori esposti al Mudec, Malefica, fata malevola e signora del male, è sì una creazione della Walt Disney, ma non è presente nella fiaba originale.

Chi era Walt Disney?

Walt Disney a discapito dei colori e delle divertenti storie dei suoi protagonisti, ha vissuto un’infanzia non facile, poco colorata e spensierata. Nato a Chicago nel 1901, ad un certo punto si trasferisce con la propria famiglia nel Missori. Qui lavorerà con molta fatica nei campi e imparerà troppo presto il concetto di sacrificio e disciplina.

La vita di Walt Disney subisce un ulteriore cambiamento quando il padre decide di vendere l’attività per trasferirsi a Kansas City. Della grande città e della vita in casa Disney si stancherà presto e nel 1918 egli deciderà di arruolarsi nell’esercito.

La decisione presa dall’artista però rappresenta per lui più una fuga, una via d’uscita dalle imposizioni e dalle rigide regole della famiglia che un reale volere. Tornato a Kansas trova lavoro come ritagliatore di immagini in una società che si occupava di animazione.

Ed è proprio qui che comprende la sua vera passione. Una passione così potente da fargli chiedere in prestito una cinepresa con cui cimentarsi in delle prove. Da questo momento in poi le cose iniziano ad andare per il meglio e con l’aiuto e il sostegno del fratello apre lo studio in cui è stato realizzato il famoso Topolino.

Dopo tanti alti e bassi vissuti durante la sua carriera, nel 1928, Walt Disney ottiene un enorme riconoscimento grazie alla proiezione presso il Colony Teather di New York di un film di guerra.

Nel 1932 riceve il suo primo di 31, premio Oscar per il film Flowers and tree. Bisognerà aspettare il 1937 per vedere invece il capolavoro che tutti conosciamo di Biancaneve e i sette nani. Dopo tanti altri successi e traguardi, Walt Disney si spegne il 15 dicembre del 1966 per un problema cardiocircolatorio lasciando al mondo un’eredità preziosa, rivoluzionaria  e senza tempo.

Informazioni e tariffe

La mostra è visitabile nei seguenti orari:

  • Lunedì 14:30 – 19:30, martedì, mercoledì,venerdì, domenica 9:30 – 19.30.
  • Giovedì e sabato 9:30 – 22:30
  • Ultimo ingresso un’ora prima

Tariffe:

  • Sabato, domenica, e festivi 17€
  • Lunedì e venerdì 15€
  • Ridotto 13€ (visitatori dai 14 ai 26 anni, over 65, persone con disabilità, insegnanti, militari, forze dell’ordine non in servizio, accompagnatore dipendente Comune di Milano, accompagnatore possessore Mudec Membership Card).

Per ulteriori informazioni sulle tariffe consultare il sito www.mudec.it

 

spot_img

In breve

Milano, al Giambellino arrivano i lampioni smart contro rifiuti e soste irregolari

Una nuova ed impensabile nuova arma per contrastare i furbetti dei rifiuti: a Milano, per la precisione al Giambellino,...