7.6 C
Milano
25. 04. 2024 03:14

L’insostenibile peso delle università milanesi: Lodo Guenzi ha (stra)ragione

Il punto di vista di un 28enne appena uscito dal mondo universitario sul suicidio della 19enne nei bagni della IULM a Milano

Più letti

Chi scrive ha appena finito un percorso universitario di cinque anni. Triennale più magistrale. Il mondo delle università milanesi l’ho conosciuto da vicino e Lodo Guenzi ha (stra)ragione: ormai studiare viene visto come un peso. Se non finisci l’università, sei un fallito. Per questo la notizia del suicidio di una 19enne universitaria a Milano provoca molto dolore.

Lodo Guenzi lancia l’allarme: «No, a 19 anni non hai fallito niente»

Non è accettabile che una ragazza di 19 anni pensi di aver fallito perché il mondo dell’università la sta schiacciando su sé stessa. «Non riesco a non pensare a quella ragazza di 19 anni che si è ammazzata nel bagno della sua università, lasciando scritto “nella vita ho fallito tutto”. E no, a 19 anni non hai fallito niente», ha scritto Lodo Guenzi su Instagram. Parole sante che fanno riflettere.

lodo guenzi

Le tre parole di oggi? Scoprile in newsletter!

Per come è strutturato oggi il modello universitario italiano, se rimani indietro è molto difficile recuperare. Se salti qualche sessione, il treno passa. Ed è molto più semplice abbandonarsi alle proprie ansie e mollare tutto. Reagire, rimboccarsi le maniche e portare a termine gli studi nei tempi prefissati, una volta rimasti indietro, diventa utopia. Gli strumenti a disposizione degli studenti sono pochi. Il tempo a volte è anche meno. Così si rischia di entrare in un vortice negativo che fa esplodere le persone.

lodo guenzi

«Lo pensavo anche io (di aver fallito, ndr) a 19 anni. Io non so neanche perché lo scrivo, e non so se è una questione di gara di eccellenza dentro il percorso formativo, come è sempre stata, o molto di più il fatto che il mondo del lavoro fuori garantisca la sopravvivenza solo per chi eccelle, sacrificando i diritti ai tempi di produzione, e trasformando la scuola non più in una palestra in cui poter sbagliare, ma in un assaggio delle frustrazioni di domani», ha concluso il cantante de Lo Stato Sociale su Instagram.

lodo guenzi

Serve mettere un freno a questa ansia da aspettative sulle spalle di giovani. A 19 anni devi avere il tempo, lo spazio e le opportunità di non dover pensare per forza di diventare qualcuno. Ma devi avere l’ambizione di poter vivere serenamente. Cosa che non faceva la studentessa di 19 anni che ha deciso di suicidarsi nei bagni della IULM. Un tragico epilogo che non deve ripetersi mai più.

In breve

FantaMunicipio #27: quanto ci fa bene l’associazionismo cittadino

Pranzi, musica, poesia, arte, intrattenimento, questionari, flash mob e murales: tutto all'insegna dell'associazionismo cittadino e delle comunità che popolano...