1.8 C
Milano
01. 12. 2022 06:45

Rhove interrompe il concerto: «Tutti fermi, divertitevi un po’ di più». Pioggia di critiche sui social

I Pinguini Tattici Nucleari dopo l'accaduto: «Compito loro farli cantare e saltare»

Più letti

Dopo essere balzato nelle zone alte delle classifiche musicali italiane con Shakerando, il rapper milanese Rhove (che ha nel nome anche la cittadina di provenienza, Rho) è improvvisamente schizzato in tendenza sui social per le critiche ricevute dopo un fatto di cui si è reso protagonista.

Rhove interrompe il concerto e attacca i fan: pioggia di critiche

In un recente concerto ha infatti deciso di interrompere la performance durante l’ultima canzone per la scarsa partecipazione del pubblico. «Un quarto di voi era fermo a fine concerto, non esiste che all’ultima canzone state fermi. Il concerto è finito e non avete ancora cantato un c… Mi spiace, divertitevi un po’ di più». Un invito a cui i presenti hanno risposto, una volta che il rapper ha lasciato il palco, con il coro «Scemo, scemo», come si vede nel filmato che sta girando in rete.

Il rapper si è poi spiegato ulteriormente su Instagram nella giornata di ieri, dopo un’altra data evidentemente finita in maniera migliore. «Il live di ieri è andato bene e l’ho finito cantando tutti i pezzi fino alla fine, purtroppo pretendo tanto da me e vedendo un gruppo di persone che sotto al palco non mi dava segnali, mi sono demoralizzato e ho detto quelle cose. Grazie a chi capisce e “bella” per tutto il resto dei ragazzi che stavano spaccando tutto. Ripeto, mi spiace per la gente che in prima fila sta col muso come se fosse un funerale. Shallatevi».

pinguini tattici nucleariNella polemica sono entrati i Pinguini Tattici Nucleari, che poche ore fa hanno pubblicato un messaggio su Instagram senza nominare Rhove, ma con un discorso che sembra calzare a pennello per quanto accaduto. «Siamo ritornati finalmente alla musica dal vivo e mi è capitato in questi giorni di vedere video aberranti di cantanti che sul palco insultano il proprio pubblico perché non canta o non salta. Mo’ chi glielo spiega che farli cantare e saltare è compito loro? E’ come se un cuoco insultasse i clienti perché lasciano avanzi nel piatto o non mangiano. Quando si parla di gavetta si parla anche di questo: le serate con davanti 50 persone disinteressate che ti devi conquistare da solo ti insegnano prima di tutto il rispetto. E poi il mestiere. Fare i concerti e fare le hit sono due cose diverse. E questi mesi strani ce lo dimostrano ampiamente».

In breve

FantaMunicipio #12: Ied e Politecnico avanti tutta in città

Sono le università come Ied e Politecnico- e i progetti ad esse correlate - a spingere Milano in una...