1 C
Milano
18. 01. 2021 19:00

Fontana: «Se l’unica alternativa è il lockdown facciamolo a livello nazionale»

Il presidente Fontana fa il punto dopo la conferenza Regioni - Governo: le dichiarazioni

Più letti

A Milano iniziano a fioccare le multe dopo la fronda dei ristoratori di #ioapro

I titolari e i clienti che hanno infranto le regole lo scorso venerdì aderendo alla campagna #ioapro non la...

Fontana: «Tra stasera e domani il ricorso. Sono convinto che la Lombardia sia arancione»

Il governatore Fontana torna ad attaccare il governo sulla questione zona rossa. «I nostri avvocati hanno predisposto il ricorso...

Prese in ostaggio una guardia giurata nel Duomo: l’esito della perizia psichiatrica

Mahmoud Elhosary, il 26enne che quest'estate, il 12 agosto scorso, fece irruzione al Duomo prendendo in ostaggio una guardia...

Probabilmente qualunque decisione su nuove misure restrittive sarà rimandata a domani. Nel frattempo dall’incontro Regioni-Governo sono emerse alcune indiscrezioni: il presidente Fontana vorrebbe misure uniformi per tutto il Paese.

Le dichiarazioni.  «Il lockdown è l’unica misura che si è dimostrata efficace – ha dichiarato Fontana durante la conferenza -: se possiamo andare avanti con altre misure non determinanti, procediamo. Ma se i tecnici ci dicono che l’unica alternativa è il lockdown, facciamolo a livello nazionale».

Il governatore ha ribadito che «è necessario che i provvedimenti vengano presi a livello nazionale» e quindi si è detto contrario a un lockdown territoriale, perché «se fermiamo Milano, si ferma la Lombardia» e «il virus oggi è diffuso su tutto il territorio nazionale, non è come a marzo».

Fontana è fermamente convinto che gli interventi limitati a livello locale non produrrebbero gli effetti sperati. «La diffusione del virus è uniforme in tutto il Paese – ha scritto sul suo profilo Facebook -. Le differenze riguardano l’ampiezza del tracciamento che varia da regione a regione. Una serie di interventi territorio per territorio, polverizzati e non omogenei, sarebbero probabilmente inefficaci e anche incomprensibili ai cittadini, che già oggi sono disorientati».

In breve

Scuola, non solo i licei: zaini e striscioni contro la DAD anche alle medie

Zona rossa significa che gli studenti di seconda e terza media da oggi tornano a fare didattica a distanza....

Potrebbe interessarti