26.7 C
Milano
18. 09. 2020 13:55

Lombardia, nei centri per l’impiego maxi concorso per gli “sconosciuti” navigator

Al via il maxi concorso per le assunzioni dei navigator. Tutti i dettagli

Più letti

La nuova piazza Schiavone sarà un piccolo polmone verde

Questa settimana sono iniziati i lavori di riqualificazione di piazza Schiavone in zona Bovisa: l’area si trasformerà in un...

Da oggi Annalisa è Nuda: «Smettiamola di mostrare solo la parte sorridente»

«Ho voluto davvero mettere l'accento sulle imperfezioni e la fragilità, oltre che sulle insicurezze che abbiamo tutti. Sui social...

Quartieri più vivibili: è (urbanistica) tattica

Cantieri di urbanistica tattica sempre in corso. A pochi giorni di distanza dall’inaugurazione del nuovo spazio pedonale di via...

Reddito di cittadinanza: ma che fine hanno fatto i navigator? Per chi ancora non lo sapesse sono delle figure preposte a  supportare gli operatori dei Centri per l’Impiego nella realizzazione di un percorso che coinvolga i beneficiari del Reddito di Cittadinanza dalla prima convocazione fino all’accettazione di un’offerta di lavoro congrua. Insomma, una sorta di tutor nel processo di reinserimento nel mondo del lavoro dei disoccupati.

Il nuovo piano di assunzioni: il maxi-concorso della Regione

In Lombardia, così come in tutta Italia, i navigator sembravano essere usciti fuori dai radar, complice anche il blocco delle attività dovuto al lockdown. Ora scatterà in Regione un gigantesco piano di assunzioni che porterà a triplicare il personale dei centri per l’impiego lombardi. In palio 1214 posti di lavoro anche con l’obiettivo di far ingranare la riforma del reddito di cittadinanza che, complice l’emergenza sanitaria, rischia di risultare una mera misura assistenziale senza finalità future.

Di tutto ciò ne sono consapevoli anche dalle stanze di Palazzo Lombardia.  «Anche a causa del periodo di incertezze e di crisi economica – conferma l’assessore regionale al Lavoro Melania Rizzoli – ci aspettiamo un numero molto alto di candidati, fino a 100mila persone da tutta Italia. È una tappa importante per far funzionare il sistema e uscire dall’assistenzialismo, perché in questo momento i beneficiari stanno percependo il sussidio senza lavorare e l’introduzione dei navigator si è rivelata un fallimento. Noi abbiamo avviato un progetto per coinvolgere i percettori nella vendemmia, visto che mancano stagionali».

Quale scenario futuro? Tutte le prospettive

Per ottenere un posto come navigator bisognerà partecipare al maxi concorso della Regione, che dovrebbe realizzarsi nella sua prima fase già il 16 settembre.

Il reddito viene erogato da quasi un anno e mezzo, e in media solo il 2-3% ha finora trovato un posto di lavoro. Inoltre le prospettive future non sono rosee: la crisi economica sta fiaccando i diversi settori, ed una volta che sarà terminato il blocco dei licenziamenti, si rischia il boom dei disoccupati.

Quanto saranno allora utili i navigator? Ciò che è certo è che costeranno non poco alle casse statali. Per la sola Lombardia dovranno essere sborsati circa 50 milioni di euro. Alcuni navigator, una figura professionale assunta direttamente da Roma, sono attivi da circa un anno, da quando è scattata la misura del reddito di cittadinanza, ma per ora hanno semplicemente percepito il loro stipendio senza essere utili alla causa della reinclusione sociale.

 

In breve

Al Pime c’è il Congressino

19 e 20 settembre torna l'annuale e tradizionale Congressino del PIME (via Mosè Bianchi 94 a Milano), con laboratori...

Da oggi Annalisa è Nuda: «Smettiamola di mostrare solo la parte sorridente»

«Ho voluto davvero mettere l'accento sulle imperfezioni e la fragilità, oltre che sulle insicurezze che abbiamo tutti. Sui social mostriamo solo una parte: quella...

Quartieri più vivibili: è (urbanistica) tattica

Cantieri di urbanistica tattica sempre in corso. A pochi giorni di distanza dall’inaugurazione del nuovo spazio pedonale di via Pacini (da piazzale Piola all’incrocio...

Milano si candida ad ospitare il G20 della Salute

La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha annunciato che il G20 della Salute si terrà nel 2021 in Italia. Le città...

#strongertogether, Milano e Firenze unite con la ripartenza delle fiere della moda

La Milano della moda riparte. O almeno prova a farlo. Alleandosi con Firenze. Con l'hashtag #strongertogether, le due città si uniscono dal 19 al...

Potrebbe interessarti