17.9 C
Milano
27. 02. 2021 16:10

Monitoraggio Iss, il giorno decisivo: la Lombardia sarà gialla?

Oggi l'Iss comunicherà i dati al ministero: cosa attendersi per la Lombardia?

Più letti

M4, ci siamo: ecco quando verrà inaugurata la fermata di Linate

Le gallerie della M4 sono terminate e molte delle fermate sono già ultimate. Tra queste, come dimostrano le immagini...

Scuola, Gismondo: «È un bene primario essenziale, non togliamogliela»

Il primo segnale dell'aumento dei contagi in Lombardia sono state proprio le scuole. Nel giro di due settimane i...

Vaccini, Bertolaso: «La coperta non è corta: è un fazzoletto»

Nella corsa contro il tempo per vaccinare più persone possibili, Guido Bertolaso è fermamente convinto che dopo gli over...

Come ogni venerdì l’Iss diramerà quest’oggi i dati del monitoraggio epidemiologico. Si tratta di un giorno decisivo per la Lombardia, in quanto potrebbe domenica entrare in zona gialla. Tuttavia la bagarre mediatica tra Regione e governo degli ultimi giorni lascia molta incertezza sull’esito.

I dati. Partiamo proprio dai dati. Quelli che sono stati inseriti dai tecnici del Pirellone questa volta sono stati validati e non c’è stata alcuna richiesta di integrazione o correzione. Ed i dati dicono che l’andamento in Lombardia è contenuto e per la terza settimana di fila – conteggiando anche la settimana in zona rossa per errore – l’indice Rt è sotto quota 1.

L’Istituto Superiore ufficializzerà i dati, aggiungendo le valutazioni dello scenario di rischio. La palla poi passerà al ministro Roberto Speranza al quale spetterà la decisione finale. Tuttavia in questo caso il ministro più che i dati potrebbe guardare un altro dettaglio, ovvero che le ordinanze restano in vigore due settimane. Il cambio colore lombardo è stato firmato il 22 gennaio, quindi la Regione non potrebbe diventare gialla prima del 5 febbraio.

Commercianti. Possibilità che fa infuriare i commercianti. «Il mancato ritorno in zona gialla sarebbe una beffa -attacca Confcommercio Lombardia -. Il ritorno in zona gialla dovrebbe avvenire il prima possibile, se i numeri lo consentono, per garantire almeno un briciolo di certezza e di possibilità di programmazione alle attività commerciali. Ricordiamo che la Lombardia, oltretutto non classificata dall’Europa come area a rischio, ha già subito una chiusura del tutto ingiustificata».

In breve

Quanto tempo ancora passerà dall’ultimo concerto? Il grido d’aiuto dei live club

Una data simbolica. Il 27 febbraio. Già, perché un anno fa si procedeva alle prime chiusure dovute alla situazione...