17.9 C
Milano
27. 02. 2021 17:28

Dergano e Bovisa, due installazioni luminose per un futuro di speranza

Parole di speranza si illuminano nella notte: il video

Più letti

M4, ci siamo: ecco quando verrà inaugurata la fermata di Linate

Le gallerie della M4 sono terminate e molte delle fermate sono già ultimate. Tra queste, come dimostrano le immagini...

Scuola, Gismondo: «È un bene primario essenziale, non togliamogliela»

Il primo segnale dell'aumento dei contagi in Lombardia sono state proprio le scuole. Nel giro di due settimane i...

Vaccini, Bertolaso: «La coperta non è corta: è un fazzoletto»

Nella corsa contro il tempo per vaccinare più persone possibili, Guido Bertolaso è fermamente convinto che dopo gli over...

Inclusione, green, solidarietà, resilienza, abbraccio, uniti si vince. Sono alcune parole che brillano ogni sera in Dergano e Bovisa grazie a due installazioni luminose realizzate nell’ambito del progetto Illumina-Mi.

Le installazioni. La prima è ospitata sul tetto del Birrificio La Ribalta, uno dei luoghi d’incontro simbolo del quartiere di Bovisa e Dergano, oggi temporaneamente chiuso per il secondo lockdown. Le parole che scorrono sono tutte sul tema del futuro e si mescolano con l’intervento dell’artista 2501 che proprio in questo luogo ha firmato uno dei suoi lavori territoriali. L’installazione è fruibile anche dallo spazio pubblico di via Cevedale dove si trova il birrificio “La Ribalta”.

La seconda, dedicata al tema della speranza, è ospitata dal Municipio 9, luogo simbolo della vita civica del quartiere, che per l’occasione si è dotata di due nuove “pareti luminose”, capaci di trasformare lo spazio pubblico in un collage di schermi a dimensione urbana. Le parole sono intramezzate dall’intervento degli artisti Nabla and ZIbe, l’installazione si può godere anche dallo spazio pubblico di via Guerzoni.

Illumina-Mi è un progetto realizzato nell’ambito del Bando Quartieri 2019 da Astronove, un’associazione che promuove e diffonde la cultura di progetto con azioni di inclusione e innovazione sociale attraverso la pratica delle arti visive e applicate , e da La Repubblica del Design nata durante la settimana del Design nel 2019 e protagonista del primo distretto permanente nella zona di Lancetti-Dergano-Bovisa.

Alla scelta delle parole che illuminano le due installazioni si è arrivati in seguito ad un sondaggio effettuato su un format lo scorso novembre al quale hanno partecipato circa 250 persone: i termini o le espressioni più votate costituiscono oggi un flusso che si può vedere passeggiando per il quartiere, viaggiando in treno o in macchina.

In breve

Quanto tempo ancora passerà dall’ultimo concerto? Il grido d’aiuto dei live club

Una data simbolica. Il 27 febbraio. Già, perché un anno fa si procedeva alle prime chiusure dovute alla situazione...