13.4 C
Milano
26. 10. 2020 20:36

La crisi non risparmia neanche il primo Milan Club d’Italia: serrande abbassate per il “Circolino” di Parabiago

Il Circolino, il primo Milan Club d'Italia, ha abbassato le saracinesche: il racconto di una storia di sport e passione

Più letti

“Milano Resiste”, TvBoy torna con una nuova opera “anti-Covid”

L'artista TvBoy torna a "colpire" a Milano. Una sua nuova opera è comparsa a Ripa di Porta Ticinese vicino...

Bollettino regionale, non si placa la pressione sugli ospedali: Milano, +960

I positivi riscontrati nelle ultime 24 ore sono 3.570, di cui 124 “deboli”, con la percentuale tra tamponi eseguiti...

Coronavirus, colpito un altro volto noto dello spettacolo

Il noto conduttore Gerry Scotti si aggiunge alla lista dei contagiati a Milano. A dichiararlo direttamente lui tramite il...

A Parabiago, piccolo paese dell’hinterland milanese, per anni i tifosi di fede rossonera si sono riuniti intorno allo storico “Circolino”, la sede del primo Milan Club d’Italia. Ora davanti al bar trattoria “Girasole”, luogo in cui ha sede il fan club, un grande cartello con scritto “Affitasi” è affisso su una vecchia saracinesca tristemente abbassata da troppe settimane. La crisi economica generata dal Covid ha inghiottito anche questa lunga storia d’amore calcistico, che potrebbe giungere al termine se non interverranno nuovi fatti in breve tempo.

La storia del Circolino. Il primo Milan Club d’Italia è la storia di cinque giovani amici uniti dall’amore per il Milan. Sono gli anni ’60 e Silvano Marazzini, Angelo Nebuloni detto “Cocoino”, Giuseppe Venini, Ambrogio Borsani e Adriano Nebuloni sono su un pullman diretto a Marassi per il match Sampdoria-Milan. Ecco l’idea: un fan club dove riunire gli appassionati rossoneri ed organizzare incontri, trasferte e tanto altro. Sembra un’idea banale, ma all’epoca a Milano non esisteva nulla di simile.

«Il Club – ricorda Nebuloni – è stata una cosa eccezionale. Non c’erano precedenti in Italia per nessuna squadra. Abbiamo battuto sul tempo quelli di Desio che avrebbero voluto essere i primi».

milan club parabiago

All’inizio non fu facile. Il segretario del Milan dell’epoca, Bruno Passalacqua, bollò l’iniziativa dei cinque giovani come una “roba da inglesi”. Poi l’arrivo del nuovo presidente Felice Riva cambiò le cose e nel giro di poco tempo il club diventò un punto di riferimento per Parabiago. Una lunga storia di sport e passione che potrebbe tristemente giungere al termine.

 

In breve

Coronavirus, colpito un altro volto noto dello spettacolo

Il noto conduttore Gerry Scotti si aggiunge alla lista dei contagiati a Milano. A dichiararlo direttamente lui tramite il...

Bollettino regionale, non si placa la pressione sugli ospedali: Milano, +960

I positivi riscontrati nelle ultime 24 ore sono 3.570, di cui 124 “deboli”, con la percentuale tra tamponi eseguiti (21.324 oggi) e positivi che...

Coronavirus, colpito un altro volto noto dello spettacolo

Il noto conduttore Gerry Scotti si aggiunge alla lista dei contagiati a Milano. A dichiararlo direttamente lui tramite il proprio profilo Instagram. Il post. «Volevo essere...

I lavoratori dello spettacolo contro Franceschini: «Stiamo morendo di fame»

Poche ora fa il ministro della Cultura Dario Franceschini ha pubblicato un video in cui affermava che «chi protesta per i cinema e teatri...

Milano, anche le prostitute rivendicano il loro diritto a lavorare

Fuori programma durante la protesta dei ristoratori, gestori di pub e bar di Milano sotto la Prefettura del capoluogo meneghino: la manifestazione è stata...

Potrebbe interessarti