22.9 C
Milano
28. 06. 2022 05:41

No Green Pass: minacce di morte al sindaco Beppe Sala

I manifestanti chiedono la testa del primo cittadino, vogliono gettarlo nell’inceneritore

Più letti

Dopo le sue recenti dichiarazioni, il sindaco di Milano Beppe Sala è diventato l’obiettivo numero uno dei No Green Pass. Questo è quanto emerge da alcuni messaggi che sono stati condivisi sui vari gruppi Telegram che riuniscono tutti gli avversi all’obbligo della certificazione verde: il primo cittadino, che ha ammesso come sia giusto caricare i cortei dei no Green Pass, è visto come un nemico, tanto che in molti pensano di gettarlo addirittura nella spazzatura.

No Green Pass, ora il nemico è Beppe Sala

Nel già citato gruppo Telegram è stata condivisa la notizia apparsa sui principali quotidiano online e cartacei con l’aggiunta di un copy che lascia ben poco all’immaginazione: «Tutti a casa del Sindaco di Milano, Sala, per caricarlo (e buttarlo nella spazzatura). Scrivete nei commenti indirizzo e numeri di telefono». Nella discussione iniziata sotto tale condivisione, il primo cittadino viene etichettato come «gradasso», «infamone» ma anche un più soft «brutta persona».

Cambio di strategia per i no Green Pass?

E mentre qualcuno dice di non gettarlo nella spazzatura ma direttamente nell’inceneritore, e qualcun altro suggerisce di chiedere l’indirizzo ad una delle ex mogli che forse potrebbe essere più propensa a concederlo, c’è anche chi prova ad ipotizzare un cambio di rotta per i no Green Pass: «Io è da tempo che dico basta giro tondi per le città ma di andare sotto le case, villette di questi e farli tremare il terreno dove camminano» riporta un utente. 

I commercianti non dovrebbero lamentarsi

In ultimo c’è anche chi difende il proprio diritto al manifestare negando il fatto che questo possa portare un danno ai commercianti: «Nel peggiore delle ipotesi il corteo camminando infastidisce un commerciante x 30 minuti (inoltre passa sulla strada e mai sul marciapiede quindi il commerciante può lavorare) – si legge nel commento di un altro utente – le strade se attraversate subiscono la stessa sorte 30 minuti ed il traffico viene sempre deviato dalle forze dell’ordine x evitare ingorghi (forse). Meditate gente».

spot_img

In breve

Milano, al Giambellino arrivano i lampioni smart contro rifiuti e soste irregolari

Una nuova ed impensabile nuova arma per contrastare i furbetti dei rifiuti: a Milano, per la precisione al Giambellino,...