21.4 C
Milano
22. 05. 2024 14:12

La sclerosi multipla si mette in mostra: PortrAIts svela il lato nascosto della malattia

L’80% degli Italiani sa che la sclerosi multipla è una malattia neurologica, ma non si conoscono invece i sintomi invisibili della patologia

Più letti

A metterci la faccia saranno le persone che conoscono bene tutte le sfaccettature di questa malattia e che hanno deciso si metterle in mostra. In occasione della Giornata Mondiale della Sclerosi Multipla del 30 maggio, AISM porta a Milano e Roma PortrAIts, l’esposizione che coglie il lato “nascosto” della malattia. È una mostra all’aperto di ritratti realizzati con il supporto dell’Intelligenza Artificiale, che svela al pubblico le difficoltà quotidiane delle persone che convivono con questa patologia. Dal 30 maggio fino al 6 giugno è visitabile in via Dante.

Sclerosi multipla, i sintomi invisibili

Secondo un’indagine Doxa, l’80% degli Italiani sa che la sclerosi multipla è una malattia neurologica; ma non si conoscono invece i sintomi invisibili della malattia come perdita di memoria (24%), depressione (34%), disturbi visivi (36%), difficoltà di concentrazione (37%). Per la Giornata Mondiale della Sclerosi Multipla anche uno spettacolo di luci sui principali monumenti italiani, tra cui il Pirellone, illuminati di rosso. La campagna di sensibilizzazione si inserisce nelle molte attività promosse da AISM per la Settimana di informazione sulla sclerosi multipla. La mostra è visibile anche online su portraitsm.it.

PortrAIts, 10 storie di malati di sclerosi multipla

È a partire dalle storie di 10 persone con sclerosi multipla, ognuno dei quali ha scelto di descrivere a suo modo il disagio che vive, che nasce PortrAIts. Immagini forti, talvolta definibili quasi come mostruose, che colpiscono come un pugno nello stomaco e riescono a comunicare esattamente ciò che le persone con sclerosi multipla vogliono dire: sono sintomi invisibili, sembrano non esserci, eppure è con questo che si convive ogni giorno.

Le tre parole di oggi? Scoprile in newsletter!

sclerosi multipla
sclerosi multipla

Una mostra per dare voce a chi ne soffre

«Con la mostra – spiega Francesco Vacca, presidente nazionale di Aism – abbiamo voluto comunicare in modo potente ed emozionante ciò che le persone con sclerosi multipla vivono quotidianamente». «Con PortrAIts – aggiunge Mario Alberto Battaglia, presidente di Fism – abbiamo voluto dimostrare che l’AI, se usata in maniera virtuosa, può aiutare anche nella comunicazione, a dare nuova voce alle persone con sclerosi multipla».

In breve

FantaMunicipio #31: sempre più verde nelle aree riqualificate?

Una città più verde, ma verde davvero, fa bene a tutti. Ma c'è ancora tantissimo da fare. Alcuni rappresentanti...