6 C
Milano
15. 01. 2021 16:31

Quanta Club, tennis e resistenza

Come si ripianifica l’attività al club di via Assietta: «Guanti quando si serve»

Più letti

Campagna d’odio contro Silvia Romano: la procura di Milano archivia le indagini

L'indagine sulla campagna di odio contro Silvia Romano, la cooperante rapita in Kenya e rilasciata lo scorso 9 maggio...

Milano, licei occupati. L’asssemblea degli studenti: «La DAD non può essere scuola»

Nella giornata di oggi gli studenti del liceo scientifico e linguistico Severi-Correnti hanno simbolicamente occupato il cortile della scuola....

Chi apre? I ristoranti riaccendono le insegne: oggi la “rivolta” di “IO APRO 1501”

Com’è ormai consuetudine nell’era digitale, tutto è nato sui social. In pochi giorni un tam tam che si è...

È il momento di ripianificare il lavoro. Lo sa bene Barbara Rossi, coach del Quanta Club, scopritrice di Francesca Schiavone: «Solitamente in questi mesi i ragazzi sono in giro tra Italia ed estero per disputare match, è il periodo più intenso della stagione per un tennista. Abbiamo dovuto rivedere completamente la preparazione».

 

Quanta Club, le regole per la Fase 2

È cambiato il modo di stare in campo? «Ora bisogna avere una maggior accortezza e seguire delle regole precise. Gli atleti, per esempio, non devono toccare le palline con le mani nude, bisogna stare sempre a distanza di sicurezza e non si possono allenare più di due persone per campo. Quando si serve, bisogna indossare i guanti».

Fantasia. In tempi di quarantena, gli atleti si sono allenati con la fantasia: «C’è chi ha coperto la racchetta con una maglietta per allenarsi sulla resistenza, chi ha smontato il letto per utilizzare il materasso davanti alla porta di casa, per attutire i colpi, o ancora chi ha usato casse d’acqua come pesi per fare gli addominali, per arrivare ai più fortunati che si sono allenati in garage».

E sul ritorno alle gare, la Rossi non si sbilancia: «Tra le opzioni più plausibili c’è quella legata all’idea di creare tornei nazionali, attuabile quando ci si potrà spostare tra regioni, per dare la possibilità ai vari giocatori di muoversi ma solo entro i confini del Paese, così da evitare lunghe trasferte».

Quanta Club, crescono i talenti

Le fa eco Manuela Zoni, responsabile tennis del Quanta Club: «Da pochi giorni, accanto ai più grandi ci sono anche quattro giovani talenti del nostro vivaio agonistico che si stanno allenando, osservati speciali della Federazione Tennis: si tratta dei fratelli Gatti, Francesco e Beatrice, di Viktoria Tiglea e Martina Presa».

E i soci? «Da una settimana sono tornati a giocare anche loro, ovviamente nel pieno rispetto delle regole». E sulla chiusura sulla stagione agonistica: «Non si hanno ancora notizie certe, siamo in attesa di ricevere direttive dalla Federazione».

In breve

DAD, non è ancora finita: gli studenti occupano altri licei a Milano

La protesta degli studenti contro la DAD non si placa. Dopo lo spiraglio aperto dalla sentenza del Tar dei...

Potrebbe interessarti