26.1 C
Milano
14. 07. 2020 18:07

Camper Milano, un ambulatorio mobile contro il Covid

Il Camper Milano del Niguarda negli ultimi mesi è stato riconvertito per affrontare l'epidemia: ha offerto controlli a tappetto nei dormitori e centri d'accoglienza della città

Più letti

Le tracce della “talpa” della M4: crepe nel palazzo sul parco Solari

Gli appartamenti del civico 15 di viale Coni Zugna, affacciato sul parco Solari, sono rimasti "vittime" della talpa che...

Sala ancora sullo smartworking: «Che cosa fanno i commercianti se la città è vuota?»

Il sindaco Sala torna  a riaccendere il dibattito sullo smart working rilasciando un'intervista a Sky Tg 24. Le dichiarazioni. «È evidente...

Stazione Centrale, un giovane africano viene bloccato a terra dalla Polizia. Il video

Il gruppo delle "Sardine" ha pubblicato sul proprio canale Instagram un video in cui un giovane ragazzo di colore...

Il Camper Milano del Niguarda, utilizzato come centro antitubercolare mobile per l’assistenza agli ospiti con fragilità sociali e sanitarie dei centri milanesi, è stato convertito negli ultimi mesi per fronteggiare l’emergenza coronavirus. A bordo un’equipe specializzata in malattie respiratorie: da fine aprile si reca quattro volte alla settimana nei dormitori per i senza fissa dimora e nei centri di accoglienza per migranti e richiedenti asilo.

L’attività. «Ad oggi il bilancio è di oltre 1.500 test sierologici e tamponi effettuati a circa 970 ospiti e 125 visite specialistiche – racconta Matteo Saporiti, pneumologo in prima linea nel progetto itinerante -. In un primo momento abbiamo raccolto tutte le informazioni dettagliate sullo stato di salute degli ospiti da febbraio a oggi, in modo da capire se avessero manifestato sintomi riconducibili al Covid-19, successivamente abbiamo effettuato tamponi e test sierologici a tappeto e chi risultava ancora positivo veniva sottoposto a una radiografia toracica prima di trascorrere le due settimane obbligatorie di quarantena nell’hotel Michelangelo di Milano».

La percentuale di positivi riscontrata nei centri è stata di circa il 10 per cento. Il 37% dei casi esaminati invece risultava già aver sviluppato sufficienti anticorpi al Covid. Inoltre gli ospiti si sono sempre dimostrati collaborativi con i medici del Camper. «Solo pochi si sono mostrati diffidenti per retaggi culturali o altre paure – aggiunge Saporiti – mentre la maggior parte ha capito di aver usufruito di un servizio che nemmeno a tutti i cittadini italiani è stato garantito».

 

In breve

Le tracce della “talpa” della M4: crepe nel palazzo sul parco Solari

Gli appartamenti del civico 15 di viale Coni Zugna, affacciato sul parco Solari, sono rimasti "vittime" della talpa che...

Sala ancora sullo smartworking: «Che cosa fanno i commercianti se la città è vuota?»

Il sindaco Sala torna  a riaccendere il dibattito sullo smart working rilasciando un'intervista a Sky Tg 24. Le dichiarazioni. «È evidente che una parte della città...

Stazione Centrale, un giovane africano viene bloccato a terra dalla Polizia. Il video

Il gruppo delle "Sardine" ha pubblicato sul proprio canale Instagram un video in cui un giovane ragazzo di colore viene inseguito dalla polizia in...

Zangrillo contro gli allarmismi: «È un mese che in Lombardia non si muore più di Covid»

Il dottor Alberto Zangrillo, primario del San Raffaele di Milano ha lasciato nuove dichiarazioni in merito alla situazione all'interno degli ospedali. Come consueto, non...

Attenzione ai contagi di ritorno. Fontana: «Non possiamo permetterci un nuovo lockdown»

Il presidente della Regione Attilio Fontana traccia un quadro generale sull'andamento epidemiologico in Lombardia. Nell'intervista rilasciata al "Sole 24 ore" pone l'accento sulla necessità...

Potrebbe interessarti