2.3 C
Milano
20. 01. 2021 13:57

Citylife, un aggressore cerca di violentarla: lei lo picchia e lo mette in fuga

La disavventura di Elena, giovane ragazza milanese: il racconto

Più letti

Sala presenta la nuova mappa di Atm: «A Milano spostamenti più sostenibili»

Nelle stazioni milanesi è iniziato a comparire la nuova mappa delle linee della metropolitana. A darne l'annuncio anche il...

Il Comune attacca l’Amsa: «Dove finiscono i proventi della vendita della differenziata?»

È scontro tra il Comune e l'Amsa. In consiglio comunale la denuncia è partito dal banco del presidente della...

Zona rossa in Lombardia, si abbreviano i tempi? Speranza smentisce: «Non faccio accordi»

Si attendono con ansia gli esiti del ricorso al Tar presentato dal governatore Attilio Fontana. La Lombardia resterà in...

Il 25 novembre, giornata internazionale contro la violenza sulle donne, è da poco passata, ma certi pregiudizi e azioni sono difficili da scardinare da alcune mentalità maschili deviate. A dimostrarlo ancora una volta la storia di Elena Vergani, 32enne milanese.

La vicenda. Elena stava passeggiando da sola vicino al CityLife quando un uomo è arrivato da dietro, le ha messo una mano sulla bocca e l’ha spinta a terra facendole battere la testa. Dopodiché ha iniziato a toccarle le parti intime. In quel momento la giovane donna non si è fatta prendere dal panico, ma ha reagito colpendo il suo aggressore e costringendolo alla fuga.

«Tutti mi dicono “brava, complimenti” – ha raccontato la ragazza ai microfoni di Milano Today –, ma io sono stata solo fortunata e ho agito per spirito di sopravvivenza. Quando ha iniziato a toccarmi gli ho tirato due calci in pancia e lui si è staccato ed è scappato. Io ho iniziato anche a rincorrerlo, poi per fortuna mi sono detta “ma cosa sto facendo?” e allora mi sono fermata e ho chiamato i soccorsi. Il messaggio che vorrei passasse è facciamo qualcosa per far finire tutta questa violenza».

Violenza di genere che però non sembra voler placarsi. A scioccare la malcapitata Elena, più che l’aggressione, è il racconto sentito in ospedale.

«Mi hanno detto ero la 700esima vittima di episodi violenza a Milano del 2020 – ha aggiunto Elena -. Vuol dire più di due persone al giorno costrette a subire fatti anche più gravi di quello capitato a me. È un dato ancor più scioccante se si pensa che tante aggressioni non vengono nemmeno denunciate, quindi il numero è ancora più alto. Quando ho sentito questa cifra dentro di me è scattato qualcosa. Ho pensato “dobbiamo agire per mettere fine a questo fenomeno”. Per questo ho condiviso quello che mi era successo sui social».

 

 

In breve

Il Comune attacca l’Amsa: «Dove finiscono i proventi della vendita della differenziata?»

È scontro tra il Comune e l'Amsa. In consiglio comunale la denuncia è partito dal banco del presidente della...

Potrebbe interessarti