18.5 C
Milano
12. 05. 2021 19:58

Lombardia, è ancora battaglia sui dati: la Direzione Welfare proclama la sua “innocenza”

La Direzione Welfare, attraverso una nota, smentisce ancora una volta una trasmissione errata dei dati epidemiologici

Più letti

Settima n. 35, la Lombardia entra in zona rossa per errore. Nonostante siano ormai passata alcune settimane e la Regione sia approdata in zona gialla, la questione dei dati trasmessi erroneamente continua a tener banco, tanto che la Direzione Welfare ha emanato una nuova nota per rimarcare la propria “innocenza”.

Nessun errore. «La sovrastima dell’indice Rt della settimana 35 non è dipesa in alcun modo dalla qualità dei dati inviati all’Istituto Superiore di Sanità – scrivono dalla Direzione Welfare -. I dati inviati quotidianamente all’ISS per il calcolo degli indicatori, partono direttamente da un flusso informatico della società regionale Aria, che ha origine dalle schede compilate da medici e laboratori, strutture ospedaliere pubbliche e private».

covid bollettino regionale

Su alcuni giornali nei giorni scorsi alcuni articoli avevano attribuito gli errori di trasmissione all’Uo Prevenzione diretto dal dottor Danilo Cereda. «La Uo Prevenzione – si legge nella nota – svolge il compito di sorveglianza e analisi epidemiologica e non di produzione dati. Il report supervisionato dal dottor Cereda riporta il totale del numero di tamponi, guariti, dimessi, ricoverati in reparti ordinari e terapie intensive, persone in isolamento ed è quello che viene inviato quotidianamente al Ministero della Salute e alla Protezione Civile e da questi pubblicato. La Dg Welfare ringrazia per quanto fatto finora dal dottor Cereda e rinnova la fiducia alla Uo Prevenzione per il proseguo del lavoro».

In breve

Torre Milano, completata la struttura esterna del “grattacielo” della Maggiolina

La Torre Milano, l'edificio di 80 metri composto da 23 piani in via Stresa a Milano, è in fase...