12.2 C
Milano
29. 02. 2024 21:43

Quali sono le criticità in bici a Milano? Federico: «Sulla sicurezza non ci siamo, per ora»

L’ideatore del sondaggio BiciClima: «Rispetto a qualche anno fa, molte più persone si muovono su due ruote in città. Milano in linea col resto d’Italia, ma…»

Più letti

Il sondaggio di biciclima.org misura l’utilizzo delle bici a Milano e nei comuni italiani. Daniele Federico, uno degli ideatori di Biciclima assieme a Rémi Jaboeuf, commenta i risultati appena pubblicati, che evidenziano punti di forza e criticità anche di Milano.

In bici a Milano? Ecco quali sono i risultati del sondaggio di BiciClima

bici a Milano
 

Come è nato questo progetto?
«L’idea è nata da Rémi che ha preso spunto da progetti già esistenti in Europa come Barometre Velo in Francia. Si voleva creare un database rispetto a quanto gli italiani utilizzino il mezzo bici comparandolo con altri mezzi di trasporto, e capire quanto sia sicuro e conveniente spostarsi con la bicicletta in Italia».

Come vi siete mossi?
«Abbiamo contattato diverse associazioni che si occupano di mobilità sul territorio italiano e tramite passaparola e newsletter dedicate, abbiamo iniziato a diffondere il sondaggio per ottenere le risposte».

Le tre parole di oggi? Scoprile in newsletter!

Su quali parametri si basa il sondaggio?
«E’ diviso in sei macro categorie quali cito sicurezza, comfort e infrastrutture e per ogni domanda vi è un punteggio da 1 a 6, per cui la soglia per la sufficienza era un voto superiore a 3».

E quali risultati ha ottenuto Milano in confronto ad altre città italiane?
«Milano è in linea con il dato nazionale che evidenzia come nessun comune italiano abbia ottenuto la sufficienza, Bologna con una media del 3 è stata la più alta. La categoria che ha ottenuto più voti favorevoli è quella delle infrastrutture, ciò dovuto soprattutto al servizio capillare di bike sharing in città. Quella invece che ha avuto voti più bassi è la categoria sicurezza».

Credi che davvero ci sia un problema sicurezza per i ciclisti a Milano?
«In realtà dai dati che abbiamo non vi è un aumento degli incidenti, ma sicuramente la percezione del pericolo da parte dei cittadini è aumentata. Bisogna anche pensare che rispetto a qualche anno fa vi sono molte più persone che utilizzano la bici in città e ciò può portare a una crescita del numero di incidenti».

Ultimamente a Milano si sono creati due fronti opposti tra chi usa l’auto privata e chi la bicicletta. Cosa ti sentiresti di dire sulla difficile convivenza tra i due mezzi sulle nostre strade e le polemiche scaturite dalle nuove ciclabili?
«Credo che in generale l’Italia sia un Paese conservatore, che faccia fatica ad accettare i cambiamenti, ma bisogna rivedere un modello di mobilità che ormai non è più sostenibile. Alle volte anch’io sono costretto d utilizzare l’auto, ma quando possibile cerco sempre di usare la bicicletta perché fa bene per l’aria che respiriamo e per la nostra salute».

In breve

FantaMunicipio #21: tutto il fieno che va in cascina in città

Settimana ricca di incontri, di novità e di fieno in cascina in città. Sono in via di definizione gli...
A2A
A2A