11.2 C
Milano
29. 02. 2024 22:53

Passione per la sostenibilità: cresce l’interesse a Milano

Dalla Gen Z ai professionisti, passando per donne, laureati e studenti

Più letti

Una vera passione per la sostenibilità, che cattura l’attenzione e l’entusiasmo dei milanesi, con 8 cittadini su 10 (78%) che si definiscono appassionati e interessati alle tematiche sostenibili. Un dato in crescita del +3% rispetto al 2022 e addirittura del +17% dal 2017, segnando il più alto livello mai registrato da queste rilevazioni. Ma chi sono i milanesi più coinvolti in quest’onda green? Dalla Gen Z (18-24 anni) ai professionisti, passando per donne, laureati e studenti.

Passione per la sostenibilità, cresce l’interesse a Milano

Un incoraggiante calo del 3% contraddistingue la quota di milanesi disinteressati ai temi della sostenibilità, pur rimanendo ancora significativamente alta, con uno su cinque (22%) che mostra apatia verso tali questioni. La sostenibilità è un tema rilevante per quasi sette milanesi su 10 (66%), evidenziando un aumento del +4% rispetto al 2022, mentre il 29% degli abitanti di Milano ritiene che l’approccio sostenibile sia solo una moda passeggera. Tuttavia, quando si parla di aziende che si autodefiniscono sostenibili, i milanesi rimangono scettici sulle reali azioni delle organizzazioni in termini di sostenibilità. Il 50% dei cittadini crede che siano principalmente strategie e operazioni di marketing, in aumento del 2% rispetto al 2022, mentre il 40% vede un impegno reale verso un futuro sostenibile per il pianeta.

L’osservatorio Milano Sostenibile, è vera passione per la sostenibilità

Questi sono i dati principali emersi dal 7° Osservatorio Milano Sostenibile, la ricerca annuale promossa da LifeGate in collaborazione con l’istituto di ricerca Eumetra MR, presentati nel corso di un evento presso la Glass House di Villa Necchi Campiglio a Milano. LifeGate, società benefit e network d’informazione, guida italiana per la sostenibilità da oltre 20 anni, ha effettuato questa ricerca fin dal 2017 per mappare l’applicazione dei principi sostenibili nella visione del futuro e nelle scelte quotidiane della popolazione meneghina. Quest’anno, l’Osservatorio è dedicato al tema del capitale umano. “Il cambiamento sociale e culturale ha sempre origine nelle persone e nel capitale umano, vero tesoro e punto di forza da sfruttare anche per le aziende nel loro percorso verso una piena sostenibilità. È per questo motivo che l’abbiamo scelto come tema centrale di questa 9° edizione del nostro Osservatorio”, commenta Enea Roveda, amministratore delegato del Gruppo LifeGate – Il capitale sociale fa la differenza all’interno delle imprese che non si concentrano esclusivamente sul profitto, ma lo inseriscono in una visione più ampia che valorizza l’impatto sociale e delinea uno sviluppo pienamente sostenibile. Gli indicatori per il business delle organizzazioni dovrebbero focalizzarsi non solo sul PIL, ma piuttosto sul benessere delle persone, sulla loro soddisfazione per la vita e sul luogo di lavoro”.

Le tre parole di oggi? Scoprile in newsletter!

Da sinistra Renato Mannheimer, Simona Roveda e Enea Roveda
Da sinistra Renato Mannheimer, Simona Roveda e Enea Roveda

Passione per la sostenibilità, i dati della ricerca

La ricerca, condotta nel giugno 2023 su un campione rappresentativo della popolazione italiana maggiorenne, con un sovracampionamento di 500 casi su Milano e Roma, ha coinvolto 1.100 individui. È stata patrocinata da diverse istituzioni, tra cui la Commissione Europea, Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica, Regione Lombardia, Comune di Milano, Assolombarda, Confcommercio e Connect4Climate.

Tra i punti chiave emersi dalla ricerca:

– L’88% dei milanesi ritiene giusto investire in fonti di energia rinnovabile, con il 37% che sottolinea l’importanza di accelerare l’adozione delle rinnovabili per raggiungere l’indipendenza energetica italiana.

Più di sei cittadini meneghini su dieci (62%) conoscono e comprendono il concetto di moda sostenibile. Il 21% è disposto ad acquistare prodotti di arredamento e abbigliamento rispettosi dell’ambiente.*

L’87% ritiene cruciale sostenere la battaglia contro i cambiamenti climatici con il proprio comportamento, con il 19% disposto ad acquistare una polizza contro i cambiamenti climatici, nonostante costi maggiori.

– Pur sostenendo l’incentivazione all’acquisto di veicoli elettrici al 71%, meno di uno su dieci (9%) utilizza un’auto elettrica a Milano.

Per il 53% dei milanesi, un’azienda sostenibile deve utilizzare responsabilmente le risorse, mentre il 22% la vede come carbon neutral, e il 10% la giudica sulla base di un chiaro report di sostenibilità.

Il 29% dei milanesi limita il consumo di carne, il 3% si dichiara vegetariano o vegano, e l’11% consuma sempre cibi biologici.

Più della metà (51%) dei milanesi conosce ed è in grado di descrivere il concetto di economia circolare.*

In breve

FantaMunicipio #21: tutto il fieno che va in cascina in città

Settimana ricca di incontri, di novità e di fieno in cascina in città. Sono in via di definizione gli...
A2A
A2A