11.2 C
Milano
25. 04. 2024 13:14

A Milano è la Giornata del gioco: «Ce lo hanno chiesto i ragazzi»

Si celebra la prima giornata del gioco istituita dal Comune di Milano

Più letti

Fra le varie “week” alle quali Milano ci ha abituato, ce n’è una meno visibile, meno scintillante, ma dal significato molto importante. Siamo nel pieno della settimana dedicata ai diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, collegata alla ratifica del Parlamento italiano della convenzione ONU sui diritti dei bambini e dei ragazzi avvenuta il 27 maggio 1991. Quest’anno c’è una novità: per domani Palazzo Marino ha deciso di istituire la Giornata del gioco cittadina.

La “richiesta” era partita direttamente dal Consiglio dei Ragazzi e delle Ragazze del Municipio 8, ma in ogni angolo della città fino a domenica vengono organizzati incontri, laboratori, giochi, marce non competitive, in collaborazione con le scuole, con il Garante dei diritti per l’infanzia e per l’adolescenza e con le associazioni. L’elenco completo degli eventi, suddiviso anche per i singoli Municipi, è consultabile sul sito comune.milano.it.

Giornata del gioco, la vice-sindaca Anna Scavuzzo: «Un tema che emerge sempre»

«Dopo l’emergenza sanitaria, quando purtroppo abbiamo dovuto impedire di utilizzare le aree gioco e i bambini erano chiusi in casa, c’è il desiderio di tornare ad avere ovunque degli spazi per giocare», spiega a Mi-Tomorrow Anna Scavuzzo, vicesindaco e assessore all’Istruzione di Milano.

Le tre parole di oggi? Scoprile in newsletter!

L’idea della Giornata del Gioco è nata direttamente dai bambini e dai i ragazzi del Municipio 8. E’ un atto d’accusa nei confronti degli adulti che non fanno giocare abbastanza i bambini?
«Il Comune aveva già scelto di dedicare questa settimana ai diritti dell’infanzia e dell’adolescenza e il 28 maggio è la Giornata del Gioco a livello internazionale. Il Consiglio di Municipio dei Ragazzi e delle Ragazze prevede un percorso partecipativo e il tema del gioco emerge sempre: i ragazzi chiedono di aggiustare scivoli e altalene vicino a casa o di incrementare gli spazi verdi del loro quartiere. Questa volta però i giovani hanno chiesto di spingere l’intera città a riflettere su questi temi, così abbiamo colto l’occasione per istituire questa Giornata. Sono questioni che abbiamo affrontato negli anni creando ad esempio aree di urbanistica tattica con i tavoli da ping pong e zone dove poter giocare a campana. Inoltre abbiamo inaugurato il Giardino dei Bambini e delle Bambine in piazza Luigi di Savoia e creato aree adatte anche ai portatori di disabilità. Di lavoro ce n’è tanto, ma l’argomento non riguarda solo l’infanzia».

Ci spieghi.
«Il programma di quest’anno è incentrato soprattutto sui bambini, però il tema del gioco è trasversale, non soltanto perché i grandi fanno giocare i bambini: ci riguarda tutti. Ci sono aree anche per le persone più anziane, come i centri socio ricreativi dove si gioca a carte, a tombola, o parchi dove si pratica il cricket. Credo che in prospettiva questo sarà un invito a non perdere la dimensione ludica a tutte le età e in tutta la città».

Quando visita le scuole cosa le dicono gli studenti?
«Gli adolescenti ne approfittano per avviare un dialogo, per battagliare un po’ sui temi di attualità, sulla sostenibilità, sulla mobilità, sull’urbanistica, sull’occupazione delle scuole, sul lavoro. I più piccoli sono spesso emozionati e orgogliosi di mostrare le loro scuole e ciò che hanno realizzato, come quando abbiamo inaugurato il campo da basket della scuola di via Feraboli o alla Ruffini, dove da un lato manca il cortile oggetto di lavori da tempo, ma dall’altro i bambini hanno mostrato come hanno utilizzato il resto dello spazio a disposizione».

Lei sarà presente a qualcuno dei giochi-laboratori?
«Sto cercando di seguire le iniziative senza intervenire. Mi piacerebbe che emergesse non tanto il fatto che la vicesindaca vada a trovare i bambini, ma ciò che si sta facendo. Abbiamo preparato un video che racconta come i piccoli delle scuole dell’infanzia stanno seguendo i laboratori che abbiamo promosso questa settimana insieme ai genitori. Gli eventi sono tanti: dalla marcia per la pace di domani al Monte Stella a diversi appuntamenti dentro e fuori dalle classi, alcuni organizzati dalle scuole e altri all’esterno e rivolti a tutti».

Giornata del gioco, Olga Bellini (Associazione Mercurio): «Puntiamo sempre sull’inclusione»

giornata del giocoFra le proposte della Giornata del gioco c’è I colori delle emozioni, laboratorio rivolto ai bambini delle scuole elementari organizzato dall’associazione Mercurio, che si terrà domani al Muba (Museo dei Bambini) dalle 10.00 alle 12.00. Abbiamo chiesto a Olga Bellini, responsabile della comunicazione dell’associazione, di spiegarci di cosa si tratta.

Come si svolgerà il laboratorio?
«I colori delle emozioni è un percorso alla scoperta della consapevolezza emotiva da esprimere attraverso la creatività e l’arte. Proporremo una lettura animata del libro Carolina e l’occhio dell’elefante, scritto e disegnato da Paola Somaini, psicoanalista della British Psychoanalitic Society. Racconta la storia di una bambina che si confronta con le sue paure, con l’esperienza del Covid, con tutte le emozioni che le suscita questo momento così particolare. Leggeremo il libro insieme ai bambini e ci confronteremo sulle loro sensazioni. Poi ci sarà un momento creativo curato dall’artista Valeria Rasini, insieme alla quale si potranno creare delle composizioni con l’aiuto dei genitori partendo da un foglio nero. Riscopriremo il nero che, anziché essere visto come assenza di colore o come simbolo del vuoto, fungerà da tavolozza dalla quale fare emergere i colori delle emozioni usando i gessetti colorati».

Di cosa si occupa Mercurio?
«È un’associazione culturale e di promozione sociale non profit nata a Milano nel 2014. Elaboriamo proposte educative per le scuole pubbliche di Milano e della Lombardia con l’obiettivo di contrastare l’emergenza educativa e la dispersione scolastica. I progetti sono pensati per favorire l’inclusione dei bambini e delle bambine con particolare attenzione alle categorie più fragili e ai contesti socio-economici svantaggiati. Le nostre attività si svolgono durante l’orario scolastico in affiancamento agli insegnanti. Le proposte hanno come minimo comune denominatore il linguaggio creativo. In occasioni speciali come questa cerchiamo di diffondere i nostri progetti aprendoli anche al territorio».

A quali fasce di età vi rivolgete?
«Questo laboratorio è rivolto ai bambini dai cinque agli undici anni, ma l’associazione porta avanti progetti anche per i ragazzi delle medie e delle superiori».

Giornata del gioco, 10 eventi

giornata del gioco

SCHOOL STREET
Gioco-laboratorio organizzato dall’istituto comprensivo Umberto Eco, dal comitato genitori, dalla biblioteca di piazza Sicilia e da associazioni del quartiere.
Oggi dalle 14.00 alle 19.00
Via Sacco

AL PARCO DELLE CAVE
Torneo Multisport, laboratorio radio, mostra d’arte e giocoleria organizzati dal Centro per giovani, QR52 e Centro Diurno Educativo Olmi.
Oggi alle 15.30
Parco delle Cave

PER I PICCOLISSIMI
GiochiAMO…è un nostro diritto e un gioco-laboratorio organizzato dal Municipio 1 e dalla Cooperativa Sociale Aldia per i bambini da 0 a 6 anni.
Oggi alle 16.15
CAM Scaldasole • Via Scaldasole, 3/A

LA PACE IN GIOCO
Incontro organizzato dalla Conferenza per genitori ed educatori alla presenza del Garante per l’infanzia e delle istituzioni del Municipio 8 per parlare del “diritto di litigare”.
Oggi alle 21.00
Auditorium Enzo Baldoni • Via Quarenghi, 21

GUARDAMI GIOCARE!
Seminario e workshop organizzato dalla facoltà di psicologia dell’Università Cattolica e dall’Associazione Italiana di Psicoterapia Psicoanalitica dell’Adolescenza e della famiglia (AIPPI).
Domani dalle 9.00 alle 16.30
Università Cattolica • Largo Gemelli, 1

GHISALANDIA E GIOCOLERIA
Al Giardino dei bambini e delle bambine del mondo si può imparare la sicurezza stradale divertendosi e assistere a spettacoli di giocoleria.
Domani dalle 10.00 alle 13.00
Piazza Luigi di Savoia

TEATRO A SCUOLA
CCC.Cicala cerca casa è lo spettacolo organizzato da Campo Teatrale, dall’Associazione Genitori Munari, dall’Istituto Comprensivo di via Maniago e dalla Fondazione Comunità Milano.
Domani alle 11.00
Cortile della Scuola Primaria Bruno Munari • Via Feltre, 68/1

AL CASTELLO
Giochiamo con Massimiliano Sforza è un percorso proposto da Ad Artem tra i cortili e il Museo del Castello per raccontare ai bambini una giornata all’epoca degli Sforza.
Domani alle 15.00
Info Point del Castello Sforzesco

SGAMBAMELATA
Marcia non competitiva organizzata dall’Istituto Gattamelata-Pietro Micca che attraverserà i quartieri Fiera, Portello e QT8.
Domenica dalle 9.00 alle 12.00

ESCO
Parata musicale con concerto finale organizzata dal Garante dei Diritti dell’Infanzia e dell’adolescenza da Piazza Castello al CAM Garibaldi
Domenica alle 15.00
Fontana di piazza Castello

In breve

FantaMunicipio #27: quanto ci fa bene l’associazionismo cittadino

Pranzi, musica, poesia, arte, intrattenimento, questionari, flash mob e murales: tutto all'insegna dell'associazionismo cittadino e delle comunità che popolano...