-1.2 C
Milano
29. 11. 2021 09:10

Il rapper Neima Ezza racconta la sua Milano vista dalla periferia

Tra EP e documentario Neima Ezza si racconta con Perif

Più letti

Doppio filone narrativo in vista per Neima Ezza, giovane rapper nato in Marocco ma cresciuto tra Baggio e San Siro, che con il nuovo EP Perif e l’omonimo documentario presente sul suo canale YouTube racconta la sua Milano vista dai palazzi della periferia, culla della sua musica, ma anche di mille difficoltà.

Perif è un messaggio di riscatto dal tuo passato?

«Non lo definirei passato, perché sento che farà ancora parte del mio futuro. Vivere qui mi ha insegnato a lottare, ad andare avanti, ad avere esperienze che mi hanno fatto tanto male, ma anche del bene perché mi hanno reso quello che sono oggi».

Nel documentario quale aspetto di Baggio e San Siro hai voluto far emergere?

«Ho voluto evidenziare la zona antistante casa mia, parlare delle sue case popolari e dei suoi spazi abbandonati ha tirato fuori la parte più personale di me. È lì che è nata la mia street credibility».

Pregi e difetti di questa zona?

«Quello che può sembrare un pregio magari per altri è un difetto. Sicuramente molte cose mancano, ma altre no, in qualche modo ci si arrangia. In generale Milano ha la capacità di formare una persona in tutti i suoi quartieri, dal centro alla periferia. Una bella scuola, anche se tosta».

 

In breve

Terza dose in Lombardia: 90mila nuovi appuntamenti per prenotare la dose “booster”

La campagna vaccinale prosegue: sono stati messi a disposizione 90.000 nuovi appuntamenti per prenotare la terza dose in Lombardia. Terza...