25.3 C
Milano
05. 08. 2020 13:32

Tamburi nella notte: l’attualità di Brecht al Puccini

Più letti

Piero Chianura e Floraleda portano l’Electroclassic al Castello: «L’elettronica incontra la tradizione»

«Oltre 10 sold out, più di 10mila spettatori, spettacoli di qualità per ogni età, gusto e attitudine artistica hanno...

“Holyday working”, un nuovo modo di intendere le vacanze ai tempi del Covid

Il Covid ha cambiato non solo lo stile di vita degli italiani, ma anche il loro modo di approcciarsi...

Addio al maestro del giornalismo Sergio Zavoli

Ci lascia un grande del giornalismo televisivo: addio a Sergio Zavoli. Il maestro delle televisione italiana avrebbe compiuto 97...

Tamburi nella notte è la nuova coproduzione Elfo-Filodrammatici diretta da Francesco Frongia: il primo testo di Bertolt Brecht, rappresentato in teatro nel 1922, sarà in scena all’Elfo Puccini (con la versione scenica di Emanuele Aldrovandi) fino a domenica prossima, 10 marzo, con la compagnia Caterpillar, composta da undici giovani attori tra cui Luigi Aquilino, Edoardo Barbone, Denise Brambillasca, Gaia Carmagnani, Eugenio Fea, Ilaria Longo, Simone Previdi, Alessandro Savarese, Valentina Sichetti, Irene Urciuoli e Daniele Vagnozzi.

Perché un testo giovanile di Brecht?
«Mi serviva un testo in cui si parlasse di sogni e di ideali giovanili e qui sono proprio i giovani che combattono in prima persona, per amore o per passione politica, con tutte le difficoltà nel farsi ascoltare e nel farsi accettare. Per questo grazie all’apporto di una compagnia così giovane siamo stati in grado di parlarne in maniera così diretta e chiara».

Quanto può essere ancora attuale?
«Il testo parte da una base fondamentalmente storica, dato che si narra della Rivoluzione spartachista della Germania del primo Novecento – vicende molto note a Brecht e come al popolo tedesco – e quindi l’attualità parte proprio dall’importanza che questi fatti hanno ancora oggi per la nostra società contemporanea».

Attualità non solo storica…
«Si passa anche al nostro vissuto, a quello che questa esperienza può aver riverberato in noi a distanza di anni. Credo che sia importante ancora oggi dimostrare quanto le scelte individuali possano influenzare la nostra storia collettiva».

Ci sono novità sceniche rispetto all’originale?
«Per rendere la storia più scorrevole abbiamo cercato di apportare delle modifiche significative rispetto all’originale, grazie all’inserimento di un personaggio immaginario, Rosa Luxemburg (interpretata da Ilaria Longo), in grado di aiutare il pubblico a far luce sui fatti politici della storia».

Fino al 10 marzo alle 21.00
Teatro Elfo Puccini
Corso Buenos Aires 33, Milano
Biglietti: da 16,50 euro su biglietti.elfo.org


www.mitomorrow.it

In breve

Milano, la Procura indaga sull’ “intelligenza” dei monopattini elettrici

Nelle settimane scorse i ripetuti incidenti causati dai monopattini erano finiti sul tavolo della Procura. Al momento gli inquirenti...

“Holyday working”, un nuovo modo di intendere le vacanze ai tempi del Covid

Il Covid ha cambiato non solo lo stile di vita degli italiani, ma anche il loro modo di approcciarsi alle vacanze. Secondo una ricerca...

Addio al maestro del giornalismo Sergio Zavoli

Ci lascia un grande del giornalismo televisivo: addio a Sergio Zavoli. Il maestro delle televisione italiana avrebbe compiuto 97 anni il prossimo mese. Il pioniere...

Milano, la Procura indaga sull’ “intelligenza” dei monopattini elettrici

Nelle settimane scorse i ripetuti incidenti causati dai monopattini erano finiti sul tavolo della Procura. Al momento gli inquirenti stanno indagando per comprendere se...

Ordinanza treni e mezzi pubblici: Federconsumatori “bacchetta” la Regione

Mentre continua il braccio di ferro tra Regione e Governo sulla questione relativa al distanziamento su treni e mezzi pubblici, interviene anche la Federconsumatori...

Potrebbe interessarti