21.2 C
Milano
26. 06. 2022 06:37

Vegas Jones punta ad un nuovo disco d’Oro: «Adesso è un nuovo viaggio»

Vegas Jones torna con Due Spicci: «Ho preferito staccarmi dai social: avevo bisogno di concentrarmi di più»

Più letti

«Questo brano nasce da un ampio ragionamento sulla musica, pensando all’importanza delle parole. Così costruisco le barre, da cui arrivano le melodie e, di conseguenza, ciò che ti resta in testa». Idee chiare, come sempre, quelle di Vegas Jones, che a un anno da Giro Veloce e dopo il disco d’Oro con La Bella Musica, torna con Due Spicci.

Vegas Jones presenta “Due Spicci”

«Prima non avevo niente, adesso me lo sono guadagnato». Sta tutto in queste parole?
«Diciamo che è un grande cliché nel mondo della musica, ma detto con i termini giusti sembra qualcosa di nuovo. Quando arrivo al ritornello, poi, sento il bisogno di dire che “con due spicci ho ambito al sole…”. Mi piaceva l’idea che in quei quattro soldi ci avessi visto tanta roba. Una sensazione che tanti di noi hanno vissuto o stanno vivendo. Il pezzo è nato dopo la mia ospitata a Sanremo, quando mi sono ritrovato in studio con Lorenzo e Marco di Icon 808».

A cui, appunto, è affidata la produzione del brano. Come vi siete trovati?
«Era un periodo in cui stavo cercando dei pianisti e gente che ne sapesse di musica. Ho conosciuto Lorenzo, che suona il piano alla grande. Completato il “trio” con Marco, ci siamo buttati dentro insieme a questo nuovo progetto. Sono entrambi molto giovani, per me è sempre stimolante lavorare con ragazzi così freschi che hanno fame».

È uscito anche il videoclip ufficiale, dove emerge un duro confronto con te stesso.
«Sembra fatto nel Wyoming, invece l’abbiamo girato vicino a Torino (ride, ndr). L’idea è stata del regista Enea Colombi, al quale ho fatto ascoltare la traccia chiedendogli, poi, di raccontarmi quella storia. Quando l’ho visto, mi son messo a piangere: questa è una canzone che devi ascoltare bene, che ti deve entrare dentro. Lo stesso doveva succedere con il video, enfatizzando il racconto momento per momento, anche attraverso le luci e il buio».

Come definiresti il tuo ritorno?
«Giusto. Perché avevamo tante cose pronte realizzate negli ultimi due anni. Ho preferito anche staccarmi dai social per concentrarmi di più. La cosa importante era che i fan capissero come la stessi vedendo e che tipo di viaggio stessi intraprendendo».

 

spot_img

In breve

Milano, al Giambellino arrivano i lampioni smart contro rifiuti e soste irregolari

Una nuova ed impensabile nuova arma per contrastare i furbetti dei rifiuti: a Milano, per la precisione al Giambellino,...