Nell’ambito del palinsesto culturale cittadino I talenti delle donne, Valeria Perdonò riporta a Milano il suo Amorosi Assassini.

 

Amorosi Assassini, intervista a Valeria Perdonò

«Il progetto è nato alcuni anni fa per caso – spiega l’attrice –. Il telefono rosa di Mantova mi chiese di fare un reading di un saggio edito che racconta i femminicidi del 2006. Studiando il testo sono rimasta risucchiata dall’argomento. Mi ha colpito il caso di Francesca Baleani, l’unico dal lieto fine, e ho deciso di raccontarlo. Il filo conduttore, in Amorosi Assassini, è la storia di questa donna che è stata quasi uccisa dall’ex marito, chiusa in un cassonetto e salvata per miracolo. Questa permette di approfondire tutto il tema dagli stereotipi al linguaggio, all’omertà. Non a caso il sottotitolo è Facciamo finta di niente dai. Troppe volte si finge di non vedere».

In scena con lei c’è Marco Sforza, che ruolo ha?
«Marco è un cantautore bravissimo. Volevo che la musica avesse un ruolo importante in questo spettacolo e volevo un uomo sul palco con me. Lo scopo è mostrare che un uomo e una donna possono parlare insieme di questi argomenti, non bisogna pensare che siano temi legati solo al mondo femminile».

Amorosi Assassini è stato proposto spesso alle scuole, che riscontri avete dai giovani?
«I ragazzi sono molto più attivi e intelligenti di quanto pensiamo. Spesso ci scrivono su Facebook per dirci le loro impressioni. È stata proprio Francesca Baleani a insistere affinché lo portassi nelle scuole e ai giovani piace anche perché in certi punti sa essere molto divertente nonostante il tema drammatico».

Cosa ne pensa delle polemiche nate dopo la conferenza di Amadeus a Sanremo e ai testi del rapper Junior Cally?
«È gravissimo. Amadeus non ha detto quelle frasi al bar, cosa che sarebbe stata altrettanto grave, lui è un personaggio pubblico investito di un ruolo importantissimo da un’istituzione pubblica. Il messaggio della donna a Sanremo solo perché bella è inaccettabile. Junior Cally è un rapper e può scrivere i testi che vuole, ma il Festival ha un impatto enorme sul pubblico. Invitarlo vuol dire avallare il suo pensiero».

Amorosi Assassini

Domani alle 21.00
Après-coup
Via Privata della Braida 5, Milano
Biglietti: 15 euro in cassa

amorosi assassini
amorosi assassini