Nuovo appuntamento con la rassegna Risate da Oscar organizzata da KarmArtistico al Teatro Oscar. Sabato sera toccherà a Leonardo Manera intrattenere il pubblico con la sua indistinguibile comicità.

 

«In questa rassegna rivive un po’ l’atmosfera che c’era nei locali di cabaret milanesi negli anni ‘80 – racconta l’attore a Mi-Tomorrow –. Per me è un po’ come tornare alla mia giovinezza».

Risate da Oscar, intervista a Leonardo Manera

Come sarà strutturato lo spettacolo?
«Si tratta di un recital con monologhi e personaggi che hanno come filo conduttore la ricerca della felicità in questi tempi così complicati».

Quali sono i personaggi più amati dal pubblico?
«Quelli che ho portato a Zelig nel 2002 e nel 2003. Il personaggio ipnotizzato che ripeteva “fluoro” e “Adriana” e la coppia del cinema polacco, Kripstak e Petrektek, che interpretavo insieme a Claudia Penoni».

Milano è ancora la culla del cabaret?
«Quando sono arrivato a Milano c’erano una decina di locali che facevano regolarmente cabaret, poi negli anni sono spariti quasi tutti e ora ne sono rimasti forse due. Trent’anni fa potevi vivere anche solo esibendoti nei locali di Milano, ora non è più possibile. Forse è colpa anche dell’overdose di cabaret televisivo».

Oggi è più difficile fare comicità?
«Il problema di oggi è che rischi subito che qualcuno si offenda. Però c’è sempre voglia di ridere dei temi attuali e della realtà. Secondo me è importante avere sempre qualcosa da raccontare, soprattutto dal vivo. Quando si fa uno spettacolo di un’ora e mezza si può essere più o meno trasgressivi, ma quando la gente esce deve aver ascoltato qualcosa che fa parte della vita di tutti e che viene declinato attraverso la risata».

Risate da Oscar – Leonardo Manera le info

Sabato alle 21.00
Teatro Oscar
Via Lattanzio 58, Milano
Biglietti: 10 euro in cassa

risate da oscar
risate da oscar