24.6 C
Milano
20. 05. 2022 22:59

Torna “Il Cantante Mascherato”. Milly Carlucci: «Nuove maschere, nuove sfide»

Al via stasera su Rai1: ecco le novità del talent game show

Più letti

Torna stasera alle 21.30, con la sua terza edizione firmata Endemol Shine Italy e condotta da Milly Carlucci, Il Cantante Mascherato: per sei venerdì il pubblico di Rai1 tornerà ad indagare sulle misteriose esibizioni dei cantanti in gara – dodici, quest’anno – celati da una maschera.

Milly Carlucci torna in tv con “Il Cantante Mascherato”

Quali sono le novità di questa nuova edizione?

«C’è Arisa tra gli investigatori insieme ai confermati Flavio Insinna, il celebrale e studioso, l’attenta osservatrice Caterina Balivo e l’istintivo Francesco Facchinetti. Arisa è tutta da scoprire, e sarà una bella sorpresa».

E poi?

«Si parte con i duetti sin dalla prima puntata, con la partecipazione di dodici stelle della musica italiana. Non mancherà anche la danza con l’arrivo del vincitore di Ballando con le Stelle Vito Coppola che ballerà sulle coreografie di Simone Di Pasquale».

Quale continuità narrativa arriva da Ballando?

«Partendo da premesse diverse, il fine è sempre quello di intrattenere il pubblico. Ballando scava nelle vicende umane dei protagonisti che amano raccontarsi. Il Cantante Mascherato ha più chiavi di lettura, quella più semplice del gioco a indovinare chi si nasconde dietro la maschera, tutto all’insegna della leggerezza e del divertimento».

Quali aiuti in più ci saranno per il pubblico?

«Le maschere potranno rispondere alle domande degli investigatori in diretta, usufruendo di una voce contraffatta, ma questo lascerà al pubblico il giusto indizio su pause ed inflessioni di ognuno di loro».

Questo donerà quella imprevedibilità che, forse, prima mancava?

«Sarà una grande scommessa. Siamo i primi a farlo nel mondo. Abbiamo scelto la strada della verità in uno show dove è fondamentale nascondersi. Un’apparente contraddizione, ma in realtà attraverso la maschera si può essere più autentici».

Ogni maschera sarà, così, più umana?

«Si andrà necessariamente consolidando questa fusione tra cantante e identità. È ogni singolo concorrente in gara a scegliere la propria maschera: si parte da un bozzetto, poi sono i professionisti a mettersi all’opera tra piume, pailettes, giochi di forme e volumi per rendere ogni costume straordinario».

Chi vincerà?

«Chi riuscirà ad arrivare al cuore del pubblico che può scegliere se premiare il più bravo, quello che si è nascosto meglio o quello che invece hanno scoperto, ma che vogliono premiare perché lo amano».

Il primo indizio?

«Le dodici identità nascoste hanno un discreto bottino all’attivo: 150 milioni di dischi, 120 film, 3 vittorie di Festival di Sanremo, 300 programmi tv, 70 fiction, 20 spettacoli teatrali, 15 libri pubblicati. Via alla sfida!».

In breve

Milano, al Giambellino arrivano i lampioni smart contro rifiuti e soste irregolari

Una nuova ed impensabile nuova arma per contrastare i furbetti dei rifiuti: a Milano, per la precisione al Giambellino,...