14.1 C
Milano
26. 05. 2024 04:21

Molly Bloom Penelope infedele, il musical con Anna Zapparoli tratto dall’Ulisse di Joyce al Cielo sotto Milano

Anna Zapparoli siede su uno sgabello alto e accompagna il pubblico con amore dentro l’anima di Molly senza pretendere di essere lei

Più letti

Il Cielo sotto Milano propone questa sera, 30 maggio, alle ore 20.30, la Dual Band in Molly Bloom Penelope infedele. È un musical per attrice sola e uomo che dorme (tratto dall’ultimo capitolo dell’Ulisse di James Joyce) di Mario Borciani e Anna Zapparoli. Con Anna Zapparoli e alla batteria Carlo Battisti, al pianoforte e tastiere Mario Borciani, al clarinetto Beniamino Borciani.

Molly Bloom Penelope infedele dall’Ulisse di Joyce

Il percorso delle Odissee che ha caratterizzato la stagione 2022-2023 della Dual Band si conclude il 30 maggio con un’immersione nell’anima di Molly Bloom, la Penelope, certamente infedele, dell’Ulisse di Joyce. Un 8 sdraiato è ∞, l’infinito, ma è anche la forma di una donna sdraiata, dice Joyce. Nei folgoranti otto paragrafi senza punteggiatura – il famoso stream of consciousness – la cantante Molly, a letto, nel dormiveglia, dipana pensieri sconnessi. Brandelli di vecchie melodie, ricordi, amori e lampi di metafisica chiaroveggenza, fino a pronunciare il “sì” assoluto, il sì a tutto, il sì alla vita. A 101 anni dalla sua pubblicazione, un testo ancora scandaloso di alta poesia e inaspettato umorismo.

La Dual Band

Lo spettacolo della Dual Band, scritto nel 1999 per il Teatro Filodrammatici di Milano, ha avuto una vita avventurosa: è stato a Roma, Londra, Edimburgo (dove il nipote di Joyce voleva fermarne la rappresentazione, senza riuscirci), e ora rivede la luce nel Cielo sotto Milano. Come sempre la Dual Band cavalca quel crinale sottilissimo che separa – o unisce – il teatro e la musica. Questo spettacolo è un musical per “attrice sola e uomo che dorme”, anche se l’uomo che dorme non si vede. Ma Anna Zapparoli non è sola sul palco. È accompagnata da Mario Borciani, il compositore, che è anche il pianista, che la sostiene e la trascina con la potenza e la dolcezza del suo timbro, da Carlo Battisti, batterista storico del gruppo e parte del cast fin dai debutti a Milano e Edimburgo del millennio scorso e infine Beniamino Borciani, più noto come attore e cantante, che qui invece è presente alla seconda tastiera e al clarinetto, strumento che risulta l’unica voce – in qualche modo la voce di Leopold Bloom, l’Ulisse joyciano – a intrecciarsi con quella di Molly stessa.

Le tre parole di oggi? Scoprile in newsletter!

Molly è tutte le donne

Un’anima messa a nudo come di rado accade, sola su un palco a raccontarsi, senza alcun aiuto esterno. Non c’è bisogno del letto o della camicia da notte. Anna Zapparoli siede su uno sgabello alto e accompagna il pubblico con amore dentro l’anima di Molly senza pretendere di essere lei.

La sfida drammaturgica (e intendiamo drammaturgia in musica) di rendere lo scorrere senza punteggiatura che è la caratteristica di questo straordinario flow of consciousness è stata resa passando senza soluzione di continuità dal canto al parlato, in modo che l’uno e l’altro siano quasi indistinguibili. Una canzone si spegne in un parlato, un monologo improvvisamente è accompagnato da un battere furioso di tamburo, da un rullare tempestoso di pianoforte e una canzone è cominciata senza essersene accorti. Una sfida quindi che richiede un virtuosismo su due fronti, che da drammaturgica diventa di attrice e cantante.

Molly è tutte le donne, fa anche ridere, è antica come Eva o come la rocca di Gibilterra, ma guarda al futuro nel suo amore immaginato per un giovane che non ha mai visto. Oscena, poetica, irosa, umoristica, confusa e lucida, e soprattutto capace di perdono e accettazione assoluta del momento presente. Molly dice il più bel “sì” alla vita di tutto il Novecento. È l’ultima parola dell’intero romanzo joyciano, quella che ne suggella un finale positivo. Come avrà fatto un uomo a capire così tanto dell’anima di una donna? È un grande, bellissimo mistero.

Molly Bloom Penelope infedele
Il Cielo sotto Milano
Porta Vittoria Passante Ferroviario, Viale Molise
Prezzo: 15 euro, 12 euro per gli under 26 alla cassa del teatro

In breve

FantaMunicipio #31: sempre più verde nelle aree riqualificate?

Una città più verde, ma verde davvero, fa bene a tutti. Ma c'è ancora tantissimo da fare. Alcuni rappresentanti...