27.6 C
Milano
27. 06. 2022 10:14

“Take Your Dog To Work Day”: in ufficio col proprio cane

Proprietari incentivati a portare Fido alla scrivania

Più letti

Costretti a casa per mesi tra gli obblighi della pandemia e lo smart working, ora si torna ad assaporare anche il gusto di condividere la vita fuori dalle mura domestiche col proprio quattro zampe. Si celebra oggi la giornata mondiale del cane in ufficio, ricorrenza istituita in Inghilterra con il nome di “Take Your Dog To Work Day” alla fine degli anni ‘90, quando lo smart working era ancora un fenomeno impensabile e lontano dalle logiche più comuni. Ed è l’occasione per parlare di nuova accoglienza degli amici a quattro zampe anche in ufficio che è diventato un posto più dinamico e aperto di prima e meno rigido sulla presenza degli animali rispetto a quanto non fosse anni fa.

“Take Your Dog To Work Day”, le regole

Se si vuole portare Fido in ufficio bisogna rispettare alcune regole base di buon senso, onde evitare che l’animale soffra e che poi ne risenta anche il nostro lavoro. Tra i sei consigli di MyLav c’è quello di riservare al proprio cane un angolo dedicato, anche negli uffici non proprio grandi. Meglio, poi, se il suo angolino lo si prepara a vista di proprietario, con una ciotola d’acqua e qualche croccantino, in un luogo tranquillo e non di transito.

E ancora: sarà opportuno far conoscere prima, magari con una passeggiata insieme, gli altri animali presenti nel palazzo. E il nostro cane risultasse particolarmente vispo, sarà bene portarsi dietro qualche masticabile naturale o gioco di attivazione mentale. Ci sono poi cani che amano essere accarezzati e coccolati e cani invece più schivi e diffidenti: bisognerà spiegare ai colleghi che il cane magari non ama essere maneggiato e che se ci si avvicina bisogna farlo con alcune accortezze, rispettando il suo riposo. Infine, è necessario ritagliarsi tempo per quattro passi durante la giornata lavorativa in ufficio.

Take Your Dog To Work

Secondo una ricerca interna del Gruppo Mars (Mars, Royal Canin e AniCura), che ha creato in tutto il mondo uffici pet friendly, il 64% dei rispondenti è proprietario di un pet – la maggior parte dei quali di età di meno di 5 anni, e di taglia piccola e ben il 96% è convinto che portarlo in ufficio con sé rallegri le ore lavorative di tutti, influendo positivamente sull’intero ambiente di lavoro.

È dimostrato infatti che la presenza degli amici a quattro zampe in ufficio riduca lo stress (93%), migliori le relazioni (79%) e aiuti ad aumentare l’attaccamento all’azienda (91%). Tra le richieste più diffuse dentro l’ufficio: aree dedicate ai pet (scrivanie con i kennel), grande attenzione alla pulizia per non essere invadenti con chi può essere allergico, necessità di rispetto soprattutto nelle aree comuni (macchinetta del caffè/pranzo).

spot_img

In breve

Milano, al Giambellino arrivano i lampioni smart contro rifiuti e soste irregolari

Una nuova ed impensabile nuova arma per contrastare i furbetti dei rifiuti: a Milano, per la precisione al Giambellino,...