24.9 C
Milano
17. 06. 2021 23:28

L’Università Cattolica si riorganizza: ecco come

Con l’aumento esponenziale dei casi Covid, l’ateneo torna a distanza fino all’8 novembre

Più letti

Si cambia ancora. L’Università Cattolica, fino almeno all’8 novembre, torna alla didattica fruibile solo a distanza per tutti i corsi di laurea e post-laurea delle sedi di Milano e di Brescia, ad eccezione di quelli della facoltà di Scienze matematiche, fisiche e naturali. Non solo. Nei giorni scorsi è stato inoltre deciso l’ampliamento del ricorso al lavoro agile da remoto, pur garantendo attraverso presidi in presenza tutti i servizi dell’Ateneo.

L’Università Cattolica si riorganizza: ecco come

La didattica viene dunque erogata in diretta streaming secondo la programmazione prevista dall’orario accademico e disponibile sul portale unicatt.it e sull’app dell’ateneo. I docenti che lo desiderano possono continuare a recarsi nelle aule appositamente predisposte per erogare le lezioni in streaming, previa comunicazione all’Ufficio Programmazione della sede di competenza.

L’attività di ricerca nei laboratori, nei dipartimenti e negli istituti, come l’utilizzo delle sale di consultazione e della biblioteca, resta possibile per docenti, ricercatori e dottorandi secondo le modalità in essere. Laboratori, attività seminariali e attività extracurriculari, autorizzate dai presidi delle varie Facoltà, possono essere svolti in presenza, nel rispetto delle disposizioni di legge e dei protocolli di sicurezza sanitaria di cui si è dotato l’Ateneo.

Con l’obiettivo di contemperare diritto allo studio e tutela della salute, l’ateneo ha varato, la scorsa estate, un piano per la didattica digitalmente aumentata che prevede “tutto il possibile in presenza e tutto il necessario da remoto”, con quattro differenti modalità di lezione e un ampio ventaglio di strumenti didattici e tecnologici.

Tale scelta permette di rendere le lezioni fruibili anche da remoto e di modulare, qualora nuovi provvedimenti lo impongano, l’entità della didattica erogata in presenza, senza far perdere la possibilità agli studenti di proseguire nello svolgimento regolare del loro percorso di studi.

In breve

SwappaMi, a Milano il negozio in cui si paga con il baratto

A Milano nasce SwappaMi ed è un pò come fare un salto in un mondo antico: niente più soldi...