13.8 C
Milano
10. 04. 2021 13:42

Apple piazza Liberty, l’ex Apollo torna a volare

Più letti

Sondaggio Eumetra: «Albertini unico nome in grado di battere Sala»

C’è una sola carta in mano al centrodestra per provare ad impensierire seriamente Giuseppe Sala alle prossime elezioni Comunali...

Arena civica “Gianni Brera”, via libera ai lavori per spogliatoi e tribuna stampa

L’Arena civica "Gianni Brera", unico impianto di proprietà comunale gestito direttamente dall’Amministrazione, è pronta a un nuovo rinnovamento per...

La “pentolada” dei Sentinelli: «Gestione inadeguata di Regione Lombardia, dimettetevi»

«Per dire a Fontana di andarsene. Per dire che in Lombardia è andato tutto male». Così i Sentinelli, insieme ad...

Dopo una ridda di anticipazioni, indiscrezioni e ipotesi di date, dopo oltre un anno di cantiere e ritardi, ora è ufficiale: come svelato dalla vicepresidente Angela Ahrendts, aprirà il 26 luglio, non domani, dunque, come si pensava, l’Apple piazza Liberty, quello ormai conosciuto dai più come “il cubo di vetro”, che andrà a installarsi nei locali interrati che ospitavano, fino al gennaio 2017, il compianto Cinema Apollo.

COSA SARÀ • Qualche giorno ancora di pazienza, insomma, per scoprire da vicino quel che, secondo le intenzioni della mela morsicata, non deve essere e non sarà più solo un negozio (non a caso dal nome, ve ne sarete accorti, è scomparso il termine store), ma qualcosa di più ampio, di più ricco: un punto d’incontro, dove si va, certo, per vedere e comprare i prodotti di casa Cupertino, ma anche un luogo, il primo in Italia della nuova generazione Apple, dove vivere un’esperienza a tutto tondo. Uno spazio che, per esempio, avrà un cartellone di incontri quotidiani con artisti e professionisti, con lezioni di fotografia e montaggio video, corsi di programmazione e sviluppo di app, iniziative per bambini, insegnanti e imprenditori. I vari eventi si terranno in un Forum ad hoc, ci saranno viali alberati, ai lati dell’area espositiva, oltre al Genius Bar, dove chiedere consigli, e al Genius Grove per l’assistenza tecnica.

COME SARÀ • Non si può dire che la struttura, firmata dall’archistar Norman Foster (nuova incursione, la sua, a Milano, dopo aver firmato una decina d’anni fa le nuove pensiline dell’Atm), non sia in grado di intrigare: a cominciare dalla maestosa porta d’ingresso, un parallelepipedo di cristallo alto otto metri in cui scorre l’acqua, omaggio dichiarato alla città e ai suoi Navigli. L’alternativa per scendere o risalire è la grande scalinata, che ricopre buona parte della nuova piazza Liberty, pronta a trasformarsi in un anfiteatro all’aria aperta, sempre a disposizione della città. Countdown ufficialmente iniziato: tra nove giorni, per riprendere un claim della stessa Apple, il futuro può cominciare.

Articolo precedenteC’è anche il mare responsabile
Articolo successivoRiecco Myles Kennedy

In breve

Arena civica “Gianni Brera”, via libera ai lavori per spogliatoi e tribuna stampa

L’Arena civica "Gianni Brera", unico impianto di proprietà comunale gestito direttamente dall’Amministrazione, è pronta a un nuovo rinnovamento per...