9.7 C
Milano
04. 03. 2024 01:45

Cpr di Milano, respinta l’urgenza della mozione che chiedeva chiusura: resta aperto (per ora)

Ci sono novità per quanto riguarda il Cpr di via Corelli

Più letti

Ci sono novità per quanto riguarda il Cpr di Milano via Corelli, dopo l’ispezione e l’acquisizioni di documentazione, in relazione ad episodi di frodi nelle pubbliche forniture e la turbata libertà degli incanti. La maggioranza ha respinto l’urgenza della mozione che chiedeva la chiusura del Cpr di via Corelli, presentata da Luca Paladini e Michela Palestra del Patto Civico e dal resto dell’opposizione nel Consiglio regionale del 5 dicembre.

Cpr di Milano, le parole di Paladini e Palestra

«Un’inaccettabile dilatazione dei tempi, soprattutto in rapporto all’urgenza relativa alle condizioni del Centro di Permanenza per i Rimpatri di via Corelli – spiegano i consiglieri Paladini e Michela Palestra – L’assessore Romano La Russa ci ha definiti folli per aver chiesto la chiusura di un luogo dove da anni si negano i diritti fondamentali. Anziché entrare nel merito di quanto emerso dall’ispezione nel Centro da parte della Autorità giudiziaria lo scorso 1° dicembre e delle numerose violazioni segnalate dalle associazioni e dai garanti ormai da anni, l’assessore non trova di meglio che insultare le opposizioni. La proposta della maggioranza per bocca dell’assessore è perfino quella di creare nuovi Cpr in Lombardia. La richiesta davvero folle crediamo sia questa».

CPR di Via Corelli a Milano
CPR di Via Corelli a Milano

Cpr di Milano, la situazione

L’anno scorso, il Ministero dell’Interno ha affidato alla società in questione un’appalto dal valore di oltre 4 milioni di euro per la gestione del centro. Tuttavia, il centro stesso ha attirato molte polemiche a causa del sovraffollamento, delle difficoltà nelle pratiche di espulsione e delle pessime condizioni di vita per gli stranieri ospitati. Pertanto, sia la PM che il settore finanziario hanno esaminato attentamente la situazione.

Le tre parole di oggi? Scoprile in newsletter!

La storia del Cpr di Milano

Il CPR di Milano (Centro di Permanenza per il Rimpatrio) di via Corelli è un centro di detenzione amministrativa situato a Milano, in via Corelli 36. È un luogo dove vengono trattenuti i migranti in attesa di rimpatrio dopo l’adozione di un provvedimento di espulsione. Il CPR di via Corelli è stato aperto nel 2001 e gestito dal Ministero dell’Interno italiano.

Ha suscitato diverse critiche e controversie riguardo alle condizioni di detenzione, ai trattamenti riservati ai detenuti e alla mancanza di accesso a servizi legali e assistenza adeguata. Nel corso degli anni, diverse organizzazioni per i diritti umani e associazioni hanno denunciato presunte violazioni degli stessi diritti nel CPR di via Corelli e in altri centri di detenzione amministrativa in Italia. Le denunce includono il sovraffollamento, l’isolamento, le limitazioni all’accesso ai servizi sanitari, la mancanza di informazioni chiare sui diritti dei detenuti e il trattamento inumano o degradante.

In breve

FantaMunicipio #21: tutto il fieno che va in cascina in città

Settimana ricca di incontri, di novità e di fieno in cascina in città. Sono in via di definizione gli...
A2A
A2A