3.2 C
Milano
01. 12. 2022 01:14

Milano Dancing City, l’evento da non perdere: danza gratuita nelle periferie

Il primo è con #danzaMI in programma il 18 settembre negli spazi del Barrio’s

Più letti

Torna a settembre Milano Dancing City, progetto di promozione della danza promosso dal Centro di Alta Formazione ArteMente, appena riconosciuto dal Ministero della Cultura come organismo di promozione della danza per la formazione del pubblico per il Triennio 2022-24.

Milano Dancing City riporta la danza nelle periferie: il progetto

Milano Dancing City propone anche per il 2022 diverse azioni volte ad avvicinare e formare nuovo pubblico, educarlo alla visione di spettacoli dal vivo, creando performance e progetti per contesti non convenzionali, in particolare per quartieri o fasce di popolazione normalmente poco raggiunti dall’offerta culturale, proposti per la quasi totalità gratuitamente. Tra i percorsi immaginati c’è #danzaMI, con performance in diversi spazi teatrali e non della città. Il progetto parte il 18 settembre negli spazi del Barrio’s con The Ring di Alessio Maria Romano, Leone d’Argento alla Biennale Teatro 2020, preceduto da un laboratorio gratuito aperto ai cittadini.

Milano Dancing City

La performance, realizzata da Romano con l’assistenza di Leonardo Castellani e Riccardo Micheletti, è un contenitore coreografico che varia di volta in volta a seconda del contesto in cui viene presentato. La performance è anticipata da un corteo danzante in Piazza Donne Partigiane e rientra anche nel progetto “90/91: shall we dance?” promosso da Fattoria Vittadini, Cro.Me – Cronache e Memorie dello Spettacolo, Circuito CLAPS, Ariella Vidach-AiEP e ArteMente, sostenuto da Milano è Viva nei quartieri. Nelle settimane successive sono previsti altri eventi e tutto il programma è visionabile a questo collegamento.

In breve

FantaMunicipio #12: Ied e Politecnico avanti tutta in città

Sono le università come Ied e Politecnico- e i progetti ad esse correlate - a spingere Milano in una...