23.8 C
Milano
09. 08. 2020 06:41

86 anni di eleganza e innovazione: auguri “Re Giorgio”

Più letti

“PizzAUTobus”: quando mangiare fa rima con inclusione

A bordo del loro PizzAUTobus i ragazzi speciali di Nico Acampora diffondono amore, pizza e inclusione, frantumando ogni diffidenza. Covid...

Bollettino regionale, tornano a scendere i posti occupati nei reparti ospedalieri: Milano, +9

Aumentano i guariti e dimessi (+171), diminuiscono i ricoveri (-8) e nessun contagio a Lecco e Pavia. Questi i...

Progetto “Municipio TREe”: quando il dehors diventa un luogo di cultura ecosostenibile

In via Scarlatti è stato inaugurato il progetto "Municipio TREe" dell'architetto Giuseppe Piovaccari e della designer Ambra Gregoratti con...

Gli inglesi già nel 1975 lo definirono “King George”. A 86 anni, compiuti ieri, Giorgio Armani è ancora oggi un simbolo del made in Italy nel mondo, strettamente legato alla città di Milano, dove è cominciata la sua brillante carriera e dove ancora oggi Re Giorgio ha scelto di ripartire.

Precursore. Modi nobili, creatività rivoluzionaria, eleganza totale: Armani ha creato uno stile in grado di sposare ogni volta le esigenze di una società in continua evoluzione. Fu la celebre copertina del Time del 1982 (Giorgio’s Gorgeous Style, tradotto “lo strepitoso stile di Giorgio”) a decretarne un successo internazionale. Pioniere in ogni ambito. Due esempi? Il suo approccio “genderless” alla moda, che traduce una ideale parità tra i sessi anche nell’abbigliamento, ma anche il suo modo di interpretare alla perfezione il legame tra moda e cucina, realizzando nel centro di Milano un quartier generale che mette insieme grandi eccellenze del nostro Paese.

La decisione. Nelle settimane difficili del lockdown, in una serie di interviste, annuncia il tempo di decisioni coraggiose. Dopo le donazioni agli ospedali e la riconversione delle fabbriche per produrre camici per i medici, Armani comunica il trasloco da Parigi a Milano della presentazione della sua collezione Privè: appuntamento a gennaio 2021 nella storica sede di palazzo Orsini in via Borgonuovo. A riprova del legame indissolubile con la città. Forte solo quanto quello che lo lega all’isola di Pantelleria, da anni ormai la seconda casa di Re Giorgio.

In breve

“PizzAUTobus”: quando mangiare fa rima con inclusione

A bordo del loro PizzAUTobus i ragazzi speciali di Nico Acampora diffondono amore, pizza e inclusione, frantumando ogni diffidenza. Covid...

Bollettino regionale, tornano a scendere i posti occupati nei reparti ospedalieri: Milano, +9

Aumentano i guariti e dimessi (+171), diminuiscono i ricoveri (-8) e nessun contagio a Lecco e Pavia. Questi i principali dati di sabato 8...

Progetto “Municipio TREe”: quando il dehors diventa un luogo di cultura ecosostenibile

In via Scarlatti è stato inaugurato il progetto "Municipio TREe" dell'architetto Giuseppe Piovaccari e della designer Ambra Gregoratti con l'aiuto della Benedetto Marcello Social...

Le operazioni immobiliari di Messi accendono le fantasie dei tifosi interisti

Qualche giorno fa il padre di Leo Messi aveva acquistato un appartamento a Milano. Ora a concludere un nuovo rogito è proprio "la Pulce":...

Milano, Cascina Sella Nuova rinasce dalle sue rovine: il nuovo progetto

Cascina Sella Nuova è pronta a rinascere e trasformarsi in un luogo aperto alla cittadinanza. Palazzo Marino ha assegnato tramite bando per una durata...

Potrebbe interessarti