12.5 C
Milano
24. 10. 2021 20:52

Rifiuti, siamo una nuova terra dei fuochi?

Più letti

L’incendio dei rifiuti di via Chiasserini ha tenuto la città con il fiato sospeso nel vero senso della parola. Sono serviti giorni per domarlo e ancora i focolai sono tenuti sotto controllo. Migliaia di metri cubi di rifiuti andati in fumo, l’odore acre che da Quarto Oggiaro si è diffuso in tutta la città, la diossina sprigionata che ci ha resi tutti ansiosi.

Questo però, purtroppo, è stato solo l’ultimo in ordine di tempo. Sono mesi che a Milano, in provincia, nel pavese vengono sistematicamente incendiati centri di stoccaggio rifiuti (spesso tossici), provocando rischi per l’ambiente e la salute pubblica. Incendi dolosi, causati da chi ha interessi criminali. Ci sono le indagini della magistratura in corso e non possiamo che augurarci che le forze dell’ordine e i magistrati individuino nel più breve tempo possibile i responsabili e li assicurino alla giustizia.

Ma non possiamo solo sperare nell’azione giudiziaria. C’è un problema antico: quello dei rifiuti è un business, un affare enorme su cui la criminalità organizzata ha messo occhi e mani da tempo. Sono molti gli elementi che inducono a pensare a interessi specifici di organizzazioni mafiose in questo campo. Per una volta la definizione giornalistica ha centrato il punto drammatico: la Lombardia sta diventando una terra dei fuochi. È necessaria una lotta senza quartiere: per l’ambiente già precario (la qualità dell’aria è un’emergenza), per una gestione più ecologica possibile dei rifiuti e contro le ecomafie che mettono a rischio la salute nostra e dei nostri figli. Milano ha bisogno di strumenti e di potere per combattere questa vera e propria guerra.

In breve

A San Siro il museo della Nazionale. Tra i cimeli anche tutte le maglie azzurre indossate negli anni

La partita di questa sera è stata l'occasione per inaugurare in un nuovo spazio espositivo situato al piano superiore...