9.6 C
Milano
21. 04. 2024 23:17

Il Tar dà ragione all’estetiste: non chiuderanno più neanche in zona rossa

Dopo una lunga battaglia legale i centri estetici premiati dalla sentenza del tribunale amministrativo

Più letti

Dopo mesi di proteste e battaglie legali il Tar dà ragione ai centri estetici. Il Dpcm dello scorso novembre aveva definito i parrucchieri e i barbieri attività fondamentali per la cura della persone, mentre ai centri estetici non veniva riconosciuto tale status. Così mentre quest’ultimi furono costretti a chiudere nelle settimane di zona rossa, i coiffeur hanno continuato tranquillamente a svolgere le proprie mansioni.

Tar. A ribaltare la situazione ci ha pensato una sentenza del tribunale amministrativo del Lazio che si è così espresso sul ricorso legale promosso dalla Confestetica: «Pur essendo innegabile che tutte le misure restrittive imposte per fronteggiare l’emergenza sanitaria in corso siano ispirate al principio di precauzione – si legge nel testo redatto dai magistrati -, nel caso di specie la discriminazione fra le attività dei parrucchieri/barbieri e dei centri estetici non risulta supportata da una base istruttoria o da evidenze scientifiche».

Grazie a questa sentenza, i centri estetici, nel caso di una nuova istituzione di zone rosse, potranno continuare a tenere le serrande alzate in quanto attività essenziali.

In breve

FantaMunicipio #26: come tanti Ciceroni fai da te, alla scoperta di alcuni angoli di quartiere

Quante volte camminiamo per la città, magari distratti o di fretta, e non ci accorgiamo di quello che ci...