7.8 C
Milano
05. 12. 2021 15:55

Caporalato, Lamorgese sceglie Roberto Maroni come presidente della Consulta

Uno dei primi obiettivi sarà la mappatura del territorio per acquisire dati sui fabbisogni dei Comuni

Più letti

L’ex presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni, è stato scelto dal Ministro dell’Interno Luciana Lamorgese come presidente della Consulta per il contrasto del caporalato.

Maroni: «Un onore, ora mappare il territorio contro il caporalato»

Subito dopo la scelta il neo presidente ha definito la nomina «un onore ed un impegno che voglio portare avanti con tutta l’energia necessaria per dare vigore al protocollo d’intesa ed alla Costituzione». Maroni ha fissato fin da subito i primi obiettivi. «C’è molto da fare, gli sfruttatori sono sempre in agguato e condivido la strategia che si articola in iniziative molto concrete, a cominciare dalla mappatura del territorio per acquisire dati sui fabbisogni dei Comuni con la programmazione e realizzazione degli interventi di prevenzione di ogni forma di sfruttamento lavorativo».

Maroni, che in passato è stato Ministro dell’Interno proprio come Lamorgese, ha chiesto di «fare squadra attraverso il coinvolgimento di prefetti, sindaci, associazioni della società civile, organizzazioni rappresentative di aziende agricole e lavoratori» e ha poi ricordato che «la scorsa settimana a Milano c’è stata la prima condanna sul caporalato per i rider con una sentenza che ha sanzionato l’intermediazione illecita: un messaggio importante che fa ben sperare».

In breve

Milano, disagi in vista: sciopero nazionale dei mezzi contro il Green Pass

Ferrovieri e autisti dei mezzi pubblici incrociano nuovamente le braccia. Per il prossimo venerdì 3 dicembre è stato indetto...