19.5 C
Milano
16. 06. 2024 12:03

Galleria Vittorio Emanuele II, coperti i graffiti. Sala: «Dimostrazione di profonda ignoranza»

Una squadra di tecnici specializzati ha raggiunto il punto più alto dell'edificio

Più letti

A poco più di 24 ore dalla vandalizzazione della Galleria Vittorio Emanuele II, sono già iniziati i lavori di pulizia della facciata. Una squadra di tecnici specializzati ha raggiunto il punto più alto dell’edificio e ha iniziato a coprire i graffiti tracciati da tre vandali nella serata di lunedì 7 agosto con una speciale vernice, per renderli invisibili almeno dal basso. In un secondo momento saranno poi del tutto cancellati.

Galleria Vittorio Emanuele II, i lavori

L’intervento, concordato con la Soprintendenza ai beni culturali, è andato in scena mercoledì mattina, con l’accesso principale della Galleria che è stato bloccato dal nucleo intervento rapido della polizia locale per permettere in totale sicurezza il posizionamento della piattaforma aerea su cui sono saliti i tecnici.

Galleria Vittorio Emanuele

Le tre parole di oggi? Scoprile in newsletter!

Galleria Vittorio Emanuele II, le parole di Sala

Mercoledì via Instagram ha commentato l’accaduto anche il sindaco Beppe Sala, attraverso una serie di stories. «Non è stata una bravata ma una dimostrazione di profonda ignoranza. Speriamo vengano individuati rapidamente (i responsabili, ndr). Il “tribunale social” ha già decretato che non c’erano controlli e ci vorrà una pena esemplare. Credo che argomentare sia difficilissimo ma continueremo a lavorare al massimo delle nostre capacità».

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Mi-Tomorrow (@mi_tomorrow)

Galleria Vittorio Emanuele II, parla aleXsandro Palombo

Qual è il giudizio di AleXsandro Palombo artista sull’operato dei tre vandali alla Galleria Vittorio Emanuele II? «Milano è una città vandalizzata, questo trend non parte dalla strada ma da una cattiva gestione della città e dagli esempi pessimi dati da una cattiva politica che ha fatto da trampolino di lancio a tutto questo. Questi giovani sono solo degli ottimi discepoli di chi non ha saputo educare, contenere ne dare degli indirizzi e delle risposte sociali e ha permesso che in tutti questi anni la città finisse nell’abisso del degrado culturale. Gli esempi sono importanti e quando si fanno passare continuamente messaggi sbagliati si arriva a tutto questo».

«Basti pensare alle mie opere sociali rimosse, queste opere hanno una funzione educativa verso il bello e sono tutte realizzate per non deturpare i luoghi pubblici, proprio per contrastare questa marea di degrado prodotta dalle tag. È chiaro che c’è una responsabilità politica, quando l’opera dei Simpson in memoria dell’olocausto realizzata vicino al Memoriale della Shoah è stata vandalizzata nessun esponente di Palazzo Marino ha detto qualcosa, nonostante se ne siano occupati tutti i media del mondo e ancora oggi si chiedano come mai il Comune di Milano censura e fa rimuovere le opere di Palombo… fatevi qualche domanda in più».

In breve

FantaMunicipio #34: inizia la stagione dei maxi eventi estivi

Ippodromo San Siro, ippodromo La Maura, San Siro e adesso anche Quinto Romano con il Latin Festival. Milano è...