2.3 C
Milano
17. 01. 2021 12:33

All’Humanitas di Rozzano si festeggia il nuovo anno con il vaccino anti-Covid: le immagini

Il vaccino anti-Covid arriva anche all'Humanitas di Rozzano: le immagini

Più letti

Piazza Trento, il restyling che non piace al Municipio 5: ancora uno stop al progetto

Piazza Trento è al centro di riqualificazione dei progetti dello ex scalo ferroviario di Porta Romana. Il suo restyling...

Corsico, pirata della strada travolge una coppia e poi scappa

Ieri sera a Corsico intorno alle 22,40 un pirata della strada a bordo di una Bmw, dopo non essersi...

Primo giorno di zona rossa: le nuove regole per la Lombardia

Il nuvo Dpcm è stato firmato ed è entrato ufficialmente in vigore da oggi, sabato 16 gennaio. Resterà in...

Il V-day dell’Istituto Clinico Humanitas coincide con l’inizio del nuovo anno: ieri mattina, 24 tra medici, infermieri e OSS hanno ricevuto la prima dose del vaccino anti-Covid. Il primo gruppo ha incluso professionisti impegnati nelle cure di pazienti fragili, ad esempio onco-ematologici, nelle procedure ad alto rischio di contagio e ovviamente quelli particolarmente esposti al virus, come le équipe che prestano servizio in Emergency Hospital 19.

vaccino humanitas rozzano

Vaccinazioni. «Iniziare oggi ha un significato particolare – commenta Michele Lagioia, Direttore Sanitario di Humanitas – i vaccini sono arrivati il 31 dicembre e ci siamo immediatamente organizzati per essere pronti in poche ore. Abbiamo riscontrato grande entusiasmo tra gli operatori sanitari. Proseguiremo nei prossimi giorni a vaccinare tutti i professionisti dell’ospedale mano a mano che arriveranno le dosi».

vaccino humanitas rozzano

«Festeggiare l’inizio dell’anno facendo il vaccino è una grande gioia. Mi sento orgogliosa e più sicura per i miei familiari e per i pazienti” – racconta Denise Comina, medico di Pronto Soccorso di Humanitas. È stata la lei la prima a ricevere il vaccino, tra gli applausi e la commozione dei colleghi presenti»

vaccino humanitas rozzano

Nell’arco del 2020, gli ospedali Humanitas hanno curato oltre 4500 pazienti Covid tra Milano, Bergamo, Torino e Castellanza. Un lavoro reso possibile dalla tenacia del personale sanitario, che ha accompagnato le trasformazioni logistiche e organizzative con il massimo dell’impegno, e dalla costruzione di strutture di supporto, come Emergency Hospital 19 a Rozzano e Emergency Center a Bergamo, nate unendo competenze mediche e ingegneristiche proprio per far fronte alle nuove necessità dettate dalla pandemia.

In breve

Piazza Trento, il restyling che non piace al Municipio 5: ancora uno stop al progetto

Piazza Trento è al centro di riqualificazione dei progetti dello ex scalo ferroviario di Porta Romana. Il suo restyling...

Potrebbe interessarti