18.5 C
Milano
17. 10. 2021 20:15

Giorgio Armani: «Ho vissuto la pandemia pensando agli altri»

In un'intervista Re Giorgio racconta il dovere morale di aiutare gli altri

Più letti

Giorgio Armani in una recente intervista rilasciata alla Nuova Sardegna sull’apertura di una nuova boutique a Porto Cervo, ha speso qualche parola anche sulla tanta solidarietà dedicata alla città di Milano durante la pandemia.

Giorgio Armani: «Abbiamo il dovere morale di fare da esempio»

Per Re Giorgio parlano i numeri: ha donato 1.250.000 euro agli ospedali Sacco e San Raffaele, all’Istituto dei Tumori di Milano, allo Spallanzani di Roma e a supporto dell’attività della Protezione Civile.

Il 26 marzo 2020, poi il Gruppo Armani ha comunicato la conversione di tutti i propri stabilimenti italiani nella produzione di camici monouso destinati alla protezione individuale degli operatori sanitari.

Non solo: sono stati destinati ulteriori sostegni agli ospedali di Bergamo, di Piacenza e della Versilia, arrivando ad una donazione complessiva di 2 milioni di euro. Anche l’Olimpia Milano ha fatto la sua parte rinunciando a una parte degli stipendi, con una donazione di un milione di euro.

Alla domanda su come avesse vissuto la pandemia, Giorgio Armani ha risposto così: «Con apprensione, come credo tutti, ma anche con il desiderio di impegnarmi a fare qualcosa per la comunità. I personaggi in vista nei momenti bui hanno a mio avviso il dovere morale di fare da esempio, con i fatti e non solo con le parole. Per me è stato un modo per vivere la pandemia non chiudendomi in me stesso, ma pensando agli altri».

In breve

Riqualificazione del Palazzo del Ghiaccio Agorà: il progetto del Milano Bears va avanti

Il progetto di riqualificazione del Palazzo del Ghiaccio Agorà di via dei ciclamini, da parte dell’hockey Milano Bears, va...