1 C
Milano
18. 01. 2021 18:46

L’ultimo desiderio di Jess, il bandito: le ceneri sparse nel Naviglio Martesana

Jess il bandito, celebre per aver preso parte al "colpo del secolo" nella Milano anni '50 si è spento all'età di 90 anni: il suo ultimo desiderio è stato quello di disperdere le ceneri nel Naviglio Martesana

Più letti

A Milano iniziano a fioccare le multe dopo la fronda dei ristoratori di #ioapro

I titolari e i clienti che hanno infranto le regole lo scorso venerdì aderendo alla campagna #ioapro non la...

Fontana: «Tra stasera e domani il ricorso. Sono convinto che la Lombardia sia arancione»

Il governatore Fontana torna ad attaccare il governo sulla questione zona rossa. «I nostri avvocati hanno predisposto il ricorso...

Prese in ostaggio una guardia giurata nel Duomo: l’esito della perizia psichiatrica

Mahmoud Elhosary, il 26enne che quest'estate, il 12 agosto scorso, fece irruzione al Duomo prendendo in ostaggio una guardia...

Ai molti il suo nome dirà poco, ma il bandito Jess, al secolo Arnaldo Gesmundo, nella Milano degli anni ’50, balzò in testa alla cronache per aver preso parte a quello che venne definito il “colpo del secolo”. Il suo personaggio sembrava uscito da un romanzo noir e romantico: un amore viscerale per la città della Madonnina, così forte da dedicare ad essa anche il suo ultimo desiderio. In rispetto delle sue ultime memorie le ceneri di Jess sono state sparse nel naviglio Martesana, il corso d’acqua che attraversa il quartiere dov’era cresciuto e dove ha voluto trascorrere la sua intera esistenza.

Una rapina milionaria. Arnaldo e i suoi compagni divennero celebri per l’assalto ad un portavalori nel 1958. Era per la precisione il 27 febbraio. Data scelta non casualmente: il 27 era il giorno di paga degli operai e presumibilmente quel giorno il bottino doveva essere particolarmente cospicuo. L’intuizione non fu per nulla errata. Infatti la rapina passò alla storia sia per essere la prima in Italia ad un portavalori, sia per la quantità di denaro sottratta, ovvero 500 milioni di vecchie lire, cifra spropositata per l’epoca.

Tuttavia la loro fortuna non durò molto: all’inizio di aprile vennero rintracciati ed incarcerati per il colpo. A tradirli le tute da operaio utilizzate per la rapina e gettate nell’Olona. Si sa, che prima o poi tutto torna a galla. E così per gli investigatori non fu troppo difficile risalire dalle tute ai diretti responsabili.

Nonostante tutto, Jess e gli altri componenti della banda diventarono una sorta di eroi metropolitani. Leggenda vuole che i ladri effettuarono il colpo disarmati e senza ferire nessuno. Insomma, ladri gentiluomini di tempi andati.

L’ultimo desiderio. Apollonia, la compagna con cui Jess ha trascorso gli ultimi 50 anni, ha disperso le ceneri nella Martesana all’angolo tra via Padova e via Idro. Gesmundo era mancato all’età di 90 anni lo scorso aprile in seguito alle complicazioni dovute ad un’infezione. Da via Padova aveva iniziato la sua storia e proprio in quel punto ha voluto che finisse.

In breve

Scuola, non solo i licei: zaini e striscioni contro la DAD anche alle medie

Zona rossa significa che gli studenti di seconda e terza media da oggi tornano a fare didattica a distanza....

Potrebbe interessarti