12.5 C
Milano
16. 05. 2021 06:52

Milano, maxi sequestro di 5 milioni di mascherine: denunciata una cinese

Più letti

Il Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza di Milano ha sequestrato 5 milioni di mascherine e 2 milioni di dispositivi medici, tra saturimetri e termometri, stoccati in un deposito nei pressi della stazione Centrale. I locali erano nella disponibilità di una cinese indagata per frode in commercio e ricettazione. La donna nei giorni scorsi non è stata in grado di mostrare la documentazione che comprovava la legittima provenienza della merce, oltre che i certificati di conformità agli standard di sicurezza dei dpi. L’indagine è coordinata dal procuratore aggiunto di Milano Eugenio Fusco e dal pm Michela Bordieri.

Il magazzino.
La cinese aveva “la disponibilità, senza alcun titolo” delle mascherine “chirurgiche, tipo FFP1, FFP2 e FFP3” e degli altri dispositivi medici stoccati nel deposito clandestino “affittato “in nero” da un cittadino italiano, in pieno centro a Milano, nei pressi della stazione Centrale”. Le indagini hanno permesso di accertare che la donna, “nullatenente e priva di impiego, faceva accedere al magazzino e cedeva scatoloni contenenti mascherine” a molte persone, una delle quali, durante il blitz, “ha esibito ai militari un documento di trasporto recante quale destinataria della merce una società risultata cessata nel 2018”. La donna, poi, curava personalmente le consegne della merce “presso esercizi commerciali compiacenti, a bordo di un’auto di grossa cilindrata”, ossia una Porsche. La mancanza di documentazione sulla legittima provenienza dei dpi, oltre all’assenza delle certificazioni di conformità agli standard di sicurezza previsti dalla legislazione europea, hanno portato al maxi sequestro.

In breve

Brera a portata di click: un’app per scoprire la Pinacoteca (e non solo)

Far scoprire ai milanesi e agli appassionati di arte tutti i segreti, le curiosità e la storia della Pinacoteca...