17.9 C
Milano
07. 05. 2021 12:34

Salvini: «Via il coprifuoco alle 22.00». Sileri lo stoppa: «Troppo presto»

Più letti

Ottenuto il via libera alle prime riaperture dal 26 aprile, ora la Lega va all’attacco per ottenere nuovi allentamenti il prima possibile. Il messaggio di Matteo Salvini è chiaro e alza la posta: «Ora togliamo il coprifuoco alle 22.00 e riapriamo anche i ristoranti al chiuso». Temi che sicuramente strizzano l’occhio a tutti quei locali pubblici che non possono sfruttare gli spazi all’aperto e che – in base alle indicazioni emerse venerdì scorso – dovranno attendere giugno prima di riaprire. Sul coprifuoco, invece, quello del leader del Carroccio è un chiaro segnale a quei ristoratori che potranno ripartire a fine mese, ma che inevitabilmente si vedranno “azzoppato” il servizio serale di cena con il rientro obbligato a casa dei clienti.

Confronto. Sembra difficile che le richieste di Salvini possano trovare accoglimento nel breve periodo. A confermarlo sono le parole del sottosegretario alla Salute, Pierpaolo Sileri, certamente uno dei più “aperturisti” del fronte governativo: «I numeri non sono ancora così buoni da abbattere le restrizioni ed è presto per togliere il coprifuoco». Tuttavia, Sileri è fiducioso e assicura che le riaperture sono «irreversibili: non dovremo più temere di dover chiudere», visto che la campagna vaccinale avanza. Insomma, l’invito del sottosegretario è «a non correre sul coprifuoco», aggiungendo che «portare l’R0 di molto sotto lo 0,8 permetterà alleggerimenti».

In breve

Milano, le Comunali si giocano anche sul tema della maternità: posizioni a confronto

La festa della mamma è l’occasione per considerare come le istituzioni stiano lavorando per agevolare le maternità. Dalle interviste...