leonardo da vinci
leonardo da vinci

Il 2019 sarà l’anno di Leonardo Da Vinci. Ricorreranno, infatti, i cinquecento anni dalla sua scomparsa e in tutto il mondo ci saranno mostre dedicate. La Veneranda Biblioteca Ambrosiana di piazza Pio XI detiene un ricco patrimonio di opere del grande genio del Rinascimento, una raccolta tra le più importanti al mondo. E così da domani, a partire da domani, partirà una serie di esposizioni a cominciare da I Segreti del Codice Atlantico Leonardo all’Ambrosiana. Il palinsesto degli appuntamenti è stato programmato dal Collegio dei Dottori della Biblioteca Ambrosiana e curato dai maggiori esperti del genio toscano.

L’ESPOSIZIONE • La mostra al via domani sarà suddivisa in due tempi, della durata di tre mesi ciascuno, che presenta nel suo complesso 46 disegni, scelti tra quelli più famosi e importanti del Codice Atlantico, il vero “tesoro leonardiano” dell’Ambrosiana, in grado di ripercorrere la carriera dell’artista nella sua quasi totalità, dai giovanili anni fiorentini, fino all’ultimo periodo trascorso in Francia al servizio di Francesco I. Il Codice Atlantico fu donato alla Biblioteca Ambrosiana nel 1637 dal conte Galeazzo Arconati, esponente della aristocrazia milanese.

Si compone di una stupefacente raccolta di 1.119 fogli autografi, per un totale di circa 1.750 disegni. Il nome “atlantico” non indica il contenuto del codice, bensì il formato delle grandi pagine (che servivano normalmente per confezionare gli atlanti) su cui erano stati incollati i fogli di Leonardo per meglio conservarli e tutelarli da possibili dispersioni. Sono raffigurate tutte le discipline sviluppate dal maestro: architettura, idraulica, medicina, meccanica, urbanistica, geometria, astronomia, anatomia e diverse arti figurative. Notevoli sono i progetti di macchine semoventi, di armi sofisticate, di ingranaggi e di congegni, dei quali Leonardo ha lasciato stupendi disegni che spesso diventano vere e proprie opere d’arte. La mostra resterà aperta fino al 17 marzo, dal martedì alla domenica dalle 10.00 alle 18.00.


www.mitomorrow.it

www.facebook.com/MiTomorrowOff/