23.9 C
Milano
07. 05. 2021 19:16

Blitz del Collettivo Kasciavìt contro Radio 105: «Dallo Zoo discorsi sessisti»

Più letti

 

Blitz fuori dalla sede milanese di Radio 105 da parte del Collettivo Kasciavìt contro lo Zoo, i cui conduttori sono stati accusata di aver esagerato con battute sessiste. «La normalizzazione della cultura dello stupro – spiegano i manifestanti – non avviene soltanto in seguito alla violenza, ad esempio relegandola a una dimensione “naturale” con frasi del tipo “sono cose da maschi”, ma avviene soprattutto prima, tramite risate su temi che dovrebbero essere universalmente riconosciuti come pericolosi e da condannare». E ancora: «Chi agisce violenza, infatti, non è mai solo lo stupratore, ma anche – e forse soprattutto – chi la legittima ridendo e scherzando su questi episodi, di fatto minimizzandoli e sminuendone la gravità».

L’appello. «Ricordiamo a tutto lo staff di Radio 105 che, in quanto media radiofonico, hanno un enorme potere: quello di far arrivare la loro voce a moltissime persone. Chiediamo come minimo che l’intero staff di Radio105 si riconosca come responsabile di diffusione di discorsi sessisti e di incitamento alla violenza. Chiediamo inoltre che venga chiesto scusa alle attiviste e alle donne che dopo l’avvenuto hanno preso parola e sono state prese di mira dagli ascoltatori della radio. Mentre attendiamo che il mondo della radio e dei media prenda una posizione e cominci a diffondere temi come la cultura del consenso, la presa di responsabilità delle proprie azioni, il rispetto verso l’altro e l’abbraccio di tutte le diversità che ci connotano, ci auguriamo che lo Zoo degli stupratori venga chiuso e condannato per la sua condotta. Noi non ve ne faremo passare più nessuna».

In breve

Milano, predicatrice senza mascherina in metro. Il personale Atm: «Non possiamo far nulla. Ha pagato il biglietto»

Sulla metro di Milano è stata avvistata più volte nell'ultimo periodo una donna anziana di origini asiatiche intenta a...