17.3 C
Milano
27. 10. 2021 19:30

Brigate volontarie, dalle consegne in quarantena al mutuo aiuto dei quartieri

Zam e Gta, in zona 5, si sono impegnati fin dall'inizio della pandemia nel sostegno a persone e famiglie in difficoltà

Più letti

All’inizio della quarantena aiutavano la gente a fare la spesa e offrivano altri servizi per cui era necessario muoversi. Poi hanno attrezzato un numero di telefono come centralino per ricevere le richieste per zona 5 e hanno individuato le famiglie e le persone più in difficoltà, quelle colpite più duramente dalla crisi, perché già in stato di precarietà. Ora le Brigate volontarie hanno animato il quartiere intorno a via Palmieri, Milano sud, con un’iniziativa di solidarietà popolare, con distribuzione gratuita di prodotti alimentari e di beni di prima necessità.

Brigate volontarie, dalle consegne in quarantena al mutuo aiuto dei quartieri

Gli attivisti di Zam, Zona autonoma Milano e Gta, Gratosoglio autogestita, sono due centri sociali di Zona 5 che durante l’emergenza Covid hanno formato la Brigata di solidarietà popolare di Milano sud che si coordina anche con la rete cittadina delle Brigate volontarie per l’emergenza.

Mutuo aiuto. Dopo le consegne a casa, le Brigate hanno dato vita ad un servizio continuativo di consegna gratuita di prodotti alimentari, igienici e casalinghi, che via via si è trasformato in un rapporto di conoscenza reciproca e di mutuo aiuto. Chi è in grado può ora ritirare i pacchi aiuto nelle sedi delle Brigate volontarie e «Non è raro – raccontano i volontari delle brigate – che anche chi riceve aiuto si attivi poi nelle consegne».

In breve

Ddl Zan giunge alla fine, a darne il triste annuncio l’ironia di Taffo

Sulla prematura scomparsa del Ddl Zan dopo lo stop di oggi in Senato, causato dalla "tagliola" che ha ucciso...