17.8 C
Milano
05. 08. 2021 10:47

Lombardia, cambio di colore? Attesa per il nuovo monitoraggio

Domani il nuovo verdetto sulla fascia in cui ricadrà la Lombardia, in attesa del rinnovo delle regole

Più letti

La giornata più attesa, almeno per questa settimana, resta quella di domani, venerdì 26 febbraio quando si deciderà nuovamente il colore della Lombardia per la prossima settimana. Poi, come recepito dal Governo, qualcosa in questo meccanismo settimanale dovrebbe cambiare per consentire ai settori colpiti da aperture e chiusure di riorganizzarsi per tempo.

Certezze. Una prima certezza, intanto, riguarda lo stop agli spostamenti tra le Regioni (anche quelle gialle) fino almeno al 27 marzo. Non solo. Il primo decreto Covid del governo Draghi ha stabilito una forma di lockdown più dura nelle zone rosse. Per altri 30 giorni, dunque, la mobilità sarà interdetta in tutta Italia, ad eccezione degli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità e motivi di salute” e per far rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione.

Il Consiglio dei Ministri è andato oltre, ritenendo anche necessario modificare la norma che consentiva tra le 5.00 e le 22.00 la possibilità di andare a trovare amici o parenti in un’abitazione diversa dalla propria, una sola volta al giorno e in massimo due persone oltre ai figli minori di 14 anni. Il vecchio decreto consentiva questo tipo di spostamenti all’interno della regione in zona gialla e nell’ambito comunale in quella arancione e rossa.

Il testo approvato, invece, li vieta nelle zone rosse dove, di fatto, si tornerà ad un lockdown come a marzo: da casa si potrà infatti uscire, a parte i motivi di lavoro, salute e necessità, solo per fare attività motoria o sportiva nei pressi della propria abitazione. Resta infine confermata la misura che consente a chi abita nei Comuni con meno di 5mila abitanti di poter muoversi anche verso Comuni diversi, ma in un raggio di 30 chilometri e non nei capoluoghi di provincia

Marzo. Il 5 marzo è la data cruciale, quella in cui si capirà davvero come il governo intende gestire i prossimi mesi di pandemia. Il Governo, almeno per il momento, non sembra intenzionato ad abbandonare il sistema dei colori, aprendo a qualche modifica delle regole e dei parametri che determinano le fasce: si continuerà a procederà con zone rosse e restrizioni a livello locale, che devono scattare appena vengono individuati i primi segnali di un innalzamento dei contagi e possono essere decise direttamente dai presidenti di regione.

In breve

Fashion Film Festival, entro il 3 ottobre le proposte per il concorso

Ritorna il Fashion Film Festival Milano, diretto da Costanza Etro, con la sua ottava edizione che si terrà a...