20.6 C
Milano
23. 06. 2021 04:41

Milano, il movimento delle zone 30 non si arresta: in arrivo nuovi interventi urbani

La rivoluzione slow di Palazzo Marino prosegue: ecco i prossimi interventi

Più letti

Il movimento delle “Zone 30” a Milano non si ferma. Entro il prossimo maggio altre 11 aree verranno interessate dalla rimodulazione urbanistica voluta da Palazzo Marino.

Lavori in corso. La prossima area slow di Milano sarà quella NoLo-Palmanova: n un’area vasta 3,3 chilometri quadrati disegnata tra piazzale Loreto, via Palmanova, il Naviglio della Martesana e via Ferrante Aporti.

A metà ottobre arriveranno i nuovi cartelli che stravolgeranno la viabilità, ma non solo: verranno avviati i cantieri per realizzare le castellane diffuse (attraversamenti pedonali rialzati), i marciapiedi più larghi in via padova e la cosiddetta Esedra del Trotter che porterà 300 metri quadrati di verde e 40 alberi.

La rivoluzione delle zone 30: le aree interessate
La rivoluzione delle zone 30: le aree interessate

Dopodichè partiranno anche gli altri nuovi dieci progetti per le nuove zone 30 milanesi. Una rivoluzione che non cambierà semplicemente le strade, ma interi quartieri che dovrebbero trovare il giusto equilibrio tra pedoni, ciclisti e mezzi riducendo anche il traffico e lo smog.

Il tutto rientra nel “sogno-visione” del Comune di realizzare una città a 15 minuti, ovvero quartieri in cui i residenti siano in grado di raggiungere tutti i principali punti d’interesse per la propria quotidianità in massimo un quarto d’ora a piedi.

Oggi le Zone 30 sono 41 e si estendono per 10,5 chilometri quadrati; diventeranno 52, ma arriveranno a coprire 24,7 chilometri quadrati, il 13,5 per cento della superficie urbana totale. «Le operazioni puntano a rimodellare i quartieri – afferma l’assessore alla mobilità Marco Granelli – facendoli diventare sempre più luoghi di vita, incontro, commercio di prossimità e non solo posti di passaggio in una logica di città policentrica».

I prossimi interventi. Dopo il già citato NoLo-Palmanova saranno interessati i seguenti quartieri dagli interventi di rimodellamento urbanistico:

  • Qt8;
  • Isola;
  • Quarto Oggiaro -Vialba;
  • Vigentino;
  • San Gottardo;
  • Bovisa;
  • Giambellino;
  • Corvetto;
  • Rogoredo-Santa Giulia-Merezzate;
  • Salomone-Mecenate-Ungheria.

 

In breve

Corso Buenos Aires, sulle ciclabili si (ri)parte… con polemica

Si può considerare la più controversa realizzazione dell’amministrazione Sala, quella che ha suscitato più polemiche e che ha creato...