13.8 C
Milano
10. 04. 2021 14:24

Una famiglia per Abdou: cercasi famiglie per i minori

Più letti

Fontana: «Faremo un’estate da liberi. Entro domani prima dose di vaccino a tutti gli over 80»

«Quando saremo fuori bisogna chiederlo ai medici, ma questa estate, entro luglio, sempre che arrivino i vaccini, saremo messi...

Sondaggio Eumetra: «Albertini unico nome in grado di battere Sala»

C’è una sola carta in mano al centrodestra per provare ad impensierire seriamente Giuseppe Sala alle prossime elezioni Comunali...

Arena civica “Gianni Brera”, via libera ai lavori per spogliatoi e tribuna stampa

L’Arena civica "Gianni Brera", unico impianto di proprietà comunale gestito direttamente dall’Amministrazione, è pronta a un nuovo rinnovamento per...

C’è la storia di Abdou, 17 anni, originario del Gambia, scappato dalle carceri libiche, nel progetto Una famiglia per Abdou. È arrivato in Italia su un barcone. È stato accolto in una comunità a Milano e ha passato l’esame di licenza media. Come tanti altri ragazzi ora cerca una famiglia per continuare gli studi, trovare un lavoro. Per aiutare lui e tanti adolescenti accolti nelle comunità per minori stranieri non accompagnati di Milano, Caritas Ambrosiana e il Comune, sono impegnati a cercare persone e famiglie disponibili all’affido.

LE INIZIATIVE • Una delle prime mosse è stata l’organizzazione di un corso di formazione per famiglie, in tre tappe (le prossime saranno il 25 gennaio e l’8 febbraio). Non solo. Le due istituzioni hanno avviato una campagna di informazione e sensibilizzazione toccando anche i Comuni dell’hinterland: sabato 26 gennaio alle 19.30 ci sarà un aperitivo al Centro Pastorale San Giuseppe a Bollate, organizzato con le parrocchie e l’assessorato alle politiche sociali della città, mentre venerdì prossimo, 18 gennaio, alle 19.30, a Cisliano i volontari della Masseria offriranno un giropizza.

I NUMERI • I minori stranieri non accompagnati nelle comunità di Milano sono 830. Attualmente non tutti sono in grado di proseguire il percorso di integrazione con un’accoglienza in famiglia. Grazie agli operatori dello sportello Anania di Caritas Ambrosiana sono stati individuati quattordici ragazzi pronti ad essere ricollocati: hanno tra i 15 e i 18 anni, vengono in parte da Egitto e Maghreb, in parte dall’Africa Sub-sahariana, parlano l’italiano, hanno conseguito il diploma di licenza media e studiano per diventare cuoco, elettricista, muratore.

I REQUISITI • Possono diventare “affidatari” persone singole o coppie, sposate o conviventi senza vincoli di età. Le famiglie o le persone interessate all’affido sono invitate a partecipare alle proposte di Caritas oppure agli incontri di informazione e approfondimento organizzati dal Servizio Coordinamento Affidi e dalle organizzazioni del privato sociale partner del Comune di Milano per l’affido familiare. Solo dopo aver concluso la formazione, chi desidera può iniziare un percorso di conoscenza individuale personalizzato che può portare alla sottoscrizione del patto di affido con il quale si formalizza l’inserimento presso la famiglia affidataria. Info su caritasambrosiana.it.


www.mitomorrow.it

In breve

Arena civica “Gianni Brera”, via libera ai lavori per spogliatoi e tribuna stampa

L’Arena civica "Gianni Brera", unico impianto di proprietà comunale gestito direttamente dall’Amministrazione, è pronta a un nuovo rinnovamento per...